A sei mesi di vita può evidenziarsi l’autismo?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/05/2018 Aggiornato il 25/05/2018

Ci sono segnali precoci che possono far sospettare l'autismo. Ma per una diagnosi certa si deve attendere che il bambino abbia almeno due anni.

Una domanda di: Eliana
Salve, la mia domanda è la seguente:
c’è un modo per vedere se un neonato è affetto da autismo? Ci sono dei test che permettono la diagnosi di questa malattia? A sei mesi si può diagnosticare?
Grazie mille.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
la diagnosi di autismo può essere posta con sicurezza, ovviamente dal neuropsichiatra infantile, intorno ai 24-30 mesi di vita. Tuttavia ci sono segnali precoci che possono far sospettare la possibilità che il bambino sia interessato dal problema, visto che l’autismo non compare bruscamente ma si delinea via via con il passare delle settimane e dei mesi. Al riguardo va detto che il neuropsichiatra infantile in sede di diagnosi tiene in gran conto di quanto raccontano i genitori circa il comportamento del bambino. Lo stesso fa il pediatra di base, che in genere sospetta per primo l’esistenza del problema e quindi suggerisce di far valutare il bambino al neuropsichiatra infantile. I primi segnali si possono individuare tra i sei e gli otto mesi di vita, anche se a fronte di questi ci vuole estrema prudenza: non bisogna cioè né che la mamma tragga conclusioni affrettate (e non autorizzate!) né che il neuropsichiatra abbia premura di formulare la diagnosi. Il bambino che manifesta certi segnali a sei-otto mesi va solo tenuto sotto osservazione. Ecco i segni: il bambino non tende le braccia per essere preso in braccio; né dimostra alcun interesse per la mamma. Il bambino reagisce poco ai suoni, ha un pianto nervoso di difficile interpretazione, è molto irritabile. Attenzione però, perché è possibile che i primi segni si evidenzino più avanti, tra gli 8 e i 16 mesi di vita, dopo che il bambino ha avuto comportamenti quasi del tutto normali. verso l’anno uno dei segnali più forti è dato dalla mancanza di interesse, di emozioni, di attenzione. Il bambino non reagisce agli stimoli, appare perennemente lontano dall’ambiente circostante, non manifesta alcun sentimento per la mamma e spesso non pronuncia nessuna parola (nè mamma né papà né pappa). Spero di averle chiarito ogni dubbio. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti