A sei settimane non si vede il battito

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/10/2020 Aggiornato il 20/10/2020

Se tutto va bene, di norma in sesta settimana l'ecografia dovrebbe evidenziare la vitalità dell'embrione.

Una domanda di: Jessica
Salve,
spero che lei potrà togliere qualche dubbio. Ho un ciclo regolare ogni 25 giorni e ho avuto l’ultima mestruazione il 27/08. Il 4 ottobre faccio il dosaggio delle beta, valore 852.
Dopo una settimana i valori sono saliti a 3572. Ieri sono andata a fare la prima ecografia e purtroppo non si riusciva a vedere la camera gestionale. Faccio l’ecografia con sonda vaginale e riusciamo a vedere il feto ma non il battito. Io oggi sono entrata nella settima settimana. Il dottore mi ha detto di ritornare fra una settimana per vedere se riusciamo a sentire il cuore. Può dirmi qualcosa in più?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi scusi se l’ho fatta attendere per la risposta…in effetti anche se all’inizio della gravidanza l’ormone beta-hCG è aumentato vertiginosamente, all’ecografia che mi ha riportato sembrava incinta di circa 5 settimane, ossia due settimane in meno del previsto. Questo potrebbe essere un segnale che la gravidanza non sta purtroppo procedendo al meglio e potremmo dover porre diagnosi di aborto interno al prossimo controllo ecografico a distanza di una settimana qualora ancora il battito cardiaco dell’embrione non fosse visibile.
È un’evenienza più frequente di quanto non si pensi e la causa può essere legata ad una sorta di selezione naturale rispetto agli embrioni portatori di difetti genetici incompatibili con la sopravvivenza.
Certamente è un lutto vero e proprio e ci vorrà tempo per superarlo insieme come coppia…eventualmente potete chiedere l’aiuto di uno psicoterapeuta: l’unione fa la forza!
Dal punto di vista medico ci tengo a dirle che non necessariamente lei dovrà sottoporsi al raschiamento dell’utero: è possibile anche optare per la condotta d’attesa, lasciando che la natura faccia il suo corso.
Questo le consentirà sia di evitare traumatismi sull’utero, sia di riprendere prima la ricerca di una successiva gravidanza…
Spero di esserle stata di aiuto, mi tenga aggiornata se lo desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti