Ablazione endometriale: perché è ricominciato il sanguinamento?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 29/03/2023 Aggiornato il 29/03/2023

Il tessuto endometriale, anche rimosso nel modo più meticoloso possibile, può riformarsi tramite cellule di derivazione midollare che migrano nella cavità uterina determinando di nuovo la comparsa di perdite.

Una domanda di: Graziella
Il giorno 11 gennaio sono stata sottoposta a isteroscopia operativa per ablazione endometriale per endometrio inspessito e per togliere un polipo. Tutto bene e istologico negativo. Oggi a circa due mesi e mezzo mi sono nuovamente iniziate perdite. Ma come può essere? Mi avevano assicurato che tutto era risolto. Sono demoralizzata. Grazie.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Graziella, quando abbiamo avuto a disposizione isteroscopi operativi e abbiamo iniziato con la procedura di ablazione endometriale eravamo convinti che tutte le donne con sanguinamenti abbondanti o iperplasia endometriale potessero risolverebbe il loro problema in modo definitivo. L’esperienza ci ha invece insegnato che 7 donne su 10 si giovano dell’intervento con perdite assenti o scarsissime, 2 hanno un miglioramento e 1 donna non sembra neppure operata. Ad esempio uteri con molta adenomiosi o uteri che per loro motivo hanno un atteggiamento emorragico continuano a sanguinare nonostante sia stato rimosso il tessuto endometriale. Il tessuto endometriale, anche rimosso in maniera non solo meticolosa ma anche zelante, può riformarsi tramite cellule di derivazione midollare che migrano nel luogo loro deputato, la cavità uterina. In passato il medico di fronte a uteri di questo tipo procedeva con isterectomia. Adesso si usa l’ablazione endometriale con risultati soddisfacenti in buona parte dei casi, ma purtroppo una soluzione definitiva senza il sacrifico dell’utero non è ancora a disposizione. Quindi non si demoralizzi , il passo che ha fatto era quello logico e raccomandabile. Vediamo se in futuro diventa necessario un intervento demolitore oppure no. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti