Aborti ricorrenti e trombofilia

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 04/04/2022 Aggiornato il 04/04/2022

Tra le cause riconosciute di pliabortività gioca un ruolo importante la trombofilia che, per fortuna, può essere controllata.

Una domanda di: Pamela
Sono una donna di 36 anni. Due anni fa (gennaio e luglio 2020) ho avuto due episodi di aborto spontanei rispettivamente alla 9a e alla 10a settimana. Dal 2008 al 2015 ho fatto cura con Dostinex per un microadenoma ipofisario PRL secernente. La cura è stata riniziata a settembre 2021 in seguito agli aborti per i livelli elevati di prolattina. Io e il partner abbiamo eseguito test genetico risultato nella norma. Ho eseguito test genetico per trombofilia A15 mutazioni con i seguenti risultati: MTHFR (C677T) PRESENTE IN ETEROZIGOSI MTHFR (A1298C) PRESENTE IN ETEROZIGOSI PAI-1: 4G/5G Fattore Xlll PRESENTE IN ETEROZIGOSI ACE : I/D AGT: T/M PRESENTE IN ETEROZIGOSI L’ematologo mi ha prescritto Cardioaspirina 1 con 3 volte alla settimana a colazione Ferachel forte 1 compressa al giorno; Folina 5mg e B-Dyn 1 compressa a settimana. La suddetta cura è stata iniziata da circa 2 mesi. La mia domanda è se gliaborti spontanei possono essersi verificati quasi certamente per trombofilia e se avrò qualche possibilità di intraprendere una gravidanza con la cura senza problemi. Grazie, saluti.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la presenza di una trombofilia espressa come nel suo caso su più fattori può essere certamente considerata, in assenza di altri dato sospetti, come la principale causa della poliabortività specie se manifesta a bassa età gestazionale. La terapia impostata (cardioaspirina) è normalmente sufficiente anche con dosaggio pieno, cioè tutti i giorni a stomaco pieno per determinare un annullamento del rischio legato ai fattori trombofilici. Tutti gli esami da lei portati a termine risultano coerenti con una situazione risolvibile, aggiungerei per facilitare la ricerca della gravidanza nel breve oltre all’acido folico, l’inositolo, sostanza che aumentando la qualità energetica della cellula potrebbe determinare un miglioramento della qualità ovulatoria permettendole quindi un più facile raggiungimento dell’obiettivo. Aggiungo anche, ma sicuramente sarà già stato valutato, il dosaggio del TSH, per verificare che non sia presente un ipotiroidismo subclinico. Sperando di esserle stato utile. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti