Aborti ripetuti: perché?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 13/04/2021 Aggiornato il 13/04/2021

Le possibili cause di ripetute interruzioni della gravidanza sono numerose e tra questi ci sono i difetti della coagulazione del sangue.

Una domanda di: Floriana
Test gravidanza positivo giovedì scorso, beta sabato
mattina 362, poi domenica giorno di Pasqua inizio ad avere perdite, vado
ospedale ed essendo ad 1-2 settimane, così diceva test gravidanza clearblu,
non si vede nulla, mi dicono di ripetere le beta. Ripeto le beta martedì e
purtroppo sono di 341, quindi scese. Continue perdite, il ginecologo mi fa
smettere sia progesterone che cardioaspirina, e mi dice di ripetere le beta il giorno dopo.
Oggi rifaccio il test clearblu e mi dà 2-3 e mi aspettavo 1-2 dato le
perdite e le beta comunque abbassate. Domani dovrò ripeterle. Sono
distrutta. Ho già due figlie una di 5 e una di 15 e mai avuto problemi. Due
anni fa gravidanza biochimica, mentre l’hanno scorso raschiamento alla 9
settimana, e ho perso due gemelli. Oggi a distanza di un anno mi ritrovo
ancora ad un aborto ma perché? Cosa posso fare? Questo mese sono rimasta
subito incinta con clomid e progesterone però mi sa che lo sto perdendo.
Grazie attendo una vostra risposta.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi dispiace le stia capitando per la terza volta di veder sfumare il suo sogno di diventare nuovamente mamma.
Dal punto di vista medico possiamo tener presente che esiste una selezione naturale che impedisce l’evolversi di gravidanze in cui il bambino sia portatore di difetti genetici incompatibili con la sopravvivenza. Inoltre, in caso di aborti spontanei ripetuti e consecutivi (almeno due) sono indicati degli accertamenti per escludere una condizione denominata poliabortività che a volte sottende dei difetti nella coagulazione del sangue. E’ utile anche escludere delle infezioni pelviche attraverso dei tamponi vaginali e cervicali, la presenza del Papillomavirus attraverso l’esecuzione del Pap test ed eventualmente dell’HPV test (ossia un esame che ricerca il DNA del Papillomavirus a livello del collo uterino), l’esistenza di altre patologie che possono eventualmente essere responsabili degli aborti ripetuti come ad esempio una patologia tiroidea oppure la celiachia…In più c’è anche il fattore età: lei non mi dice quanti anni ha, comunque sia il rischio di aborto spontaneo è maggiore quanto più l’età materna è avanzata.
Dal punto di vista personale, l’aborto spontaneo è un lutto a tutti gli effetti: noi mamme lo sappiamo che quei minuscoli esserini sono già dei figli!
Lei che è già mamma di due figlie magari le guarderà ancora più riconoscente…non è scontato riuscire ad avere figli ma che benedizione che sono per la nostra vita, non è vero?
L’abbraccio e le sono vicina anche se a distanza…

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti