Aborti spontanei a 42 anni

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 20/06/2021 Aggiornato il 20/06/2021

Dopo i 40 anni le probabilità di interruzione spontanea della gravidanza aumentano significativamente, proprio per via dell'età anagrafica dell'aspirante mamma.

Una domanda di: Pamela
Salve, ho 42 anni e sono madre di due bimbe (gravidanze senza problemi, parti naturali). Ho sviluppato pressione alta dopo il secondo parto (non in gravidanza) e questa purtroppo pare essere diventata cronica (uso Labetalol). Ho avuto un aborto spontaneo a gennaio (pare un ovulo cieco) e un altro a maggio – vivo all’estero e purtroppo qui non fanno molte analisi dopo problemi di questo tipo; è anche molto difficile vedere un ginecologo privatamente! Comunque l’eco transvaginale che mi avevano fatto non ha rivelato nulla di anomalo. Ho visto un ginecologo privato, che mi ha fatto fare questi esami: tiroide (funzione normale), Lupus (negativo), anticorpi anticardiolipin (negativo). Secondo lui tutto è a posto e non vede motivo di fare altri trattamenti o prescrivere farmaci.
Tenga presente che ho allattato la mia seconda bimba fino a inizio marzo – mi chiedo se questo possa aver causato bassi livelli di progesterone, il che potrebbe aver causato l’interruzione a maggio (alla nona settimana; all’ottava avevo notato piccole perdite gialle e marroni; alla nona purtroppo perdite di sangue, che hanno espulso naturalmente quella che pare la sacca vitellina (e anche una piccola placenta?).
Nel caso dovessi restare incinta di nuovo può essere utile prendere Aspirinetta 75mg, dato che ho la pressione alta e una vena varicosa nella gamba destra? Sarebbe consigliato anche il progesterone?
Grazie mille per ogni eventuale consiglio e parere.
Cordiali saluti.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, io credo che il suo problema dipenda principalmente dall’età. Purtroppo le probabilità di interruzione spontanea della gravidanza aumentano notevolmente dai 40 anni in su perché le probabilità di anomalie nel prodotto del concepimento sono correlate all’età della donna, quindi è la natura stessa che tende a espellere gli embrioni che presentano alterazioni. Certamente l’aspirinetta potrà essere utile in un futuro concepimento, per la presenza dell’ipertensione, ma per il resto non ci sarà molto da fare se non stare a vedere come vanno le cose. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti