Aborti spontanei: che fare dopo?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/04/2024 Aggiornato il 08/04/2024

Dopo due aborti, le linee guida suggeriscono di effettuare alcune indagini tra cui lo screening trombofilico, per escludere difetti della coagulazione del sangue materno e l'isteroscopia, per individuare eventuali irregolarità della cavità uterina.

Una domanda di: Orlando
Mi permetto di disturbarla per esporle un parere medico. Mia moglie si ha appena avuto il secondo aborto interno. Entrambe le gravidanze si sono interrotte intono alla 7 settimana. Sono circa 10 mesi che siamo alla ricerca e in passato non abbiamo mai avuto figli. Io ho 42 anni e mia moglie ha 40 anni. Mia moglie ha gruppo sanguigno RH negativo ed io ho gruppo sanguigno 0 positivo. Le racconto l’evolversi delle due gravidanze interrotte. Durante la prima gravidanza gia’ alla 4 settimana c’erano delle perdite da minaccia, dolori alla schiena e come terapia la ginecologa ha dato il progesterone tramite puntura per quasi 10 giorni, al termine il tutto si è concluso andando in ospedale e facendo l’espulsione farmacologica e la puntura di immunoprofilassi. La seconda gravidanza è avvenuta subito dopo, sembrava andare tutto bene, le beta si alzavano e lei a differenza della prima volta aveva anche i le nausee e non aveva dolori, la cosa procedeva durante una visita di controllo il ginecologo aveva sentito gli echi embrionali. Ieri alla nona settimana nella visita di controllo il ginecologo ha riscontrato che non c’era più il battito e niente anche questa volta un altro aborto. Nelle analisi di routine della gravidanza il test di coombs indiretto effettuato era risultato positivo e questo ci aveva fatto preoccupare, anche se avevamo fatto circa 8 settimane prima la puntura di immunoprofilassi a causa del primo aborto. Sulla base di quanto esposto secondo lei il risultato positivo di Coombs è deriva dalla puntura di immunoprofilassi o la puntura doveva essere fatta già alle prime perdite quando la ginecologa ci ha fatto fare la cura di progesterone? Secondo voi la puntura è stata fatta in ritardo? Che test si fanno per capire se mia moglie risulta immuzzata RH oppure se il risultato è legato alla puntura di immunoprofilassi? Secondo lei che esami possiamo fare per capire le possibili cause di aborto? Sono disperato e non sappiamo più cosa fare. Ci dia un consiglio. Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno, capisco il vostro grande sconforto dato che questa seconda gravidanza sembrava andare meglio della precedente. Intanto vorrei sottolineare che rispetto alla vostra età la gravidanza (anzi le due gravidanze) è arrivata in tempi brevi e quindi vi potete considerare coppia fertile. Resta però da capire come mai le due gravidanze si siano interrotte precocemente e dopo due aborti consecutivi le linee guida prevedono alcune indagini come ad esempio lo screening trombofilico per escludere difetti della coagulazione del sangue materno oppure una isteroscopia office per evidenziare eventuali irregolarità della cavità uterina (utero setto, subsetto, polipi endometriali, miomi sottomucosi…). Quest’ultimo esame consente anche di effettuare una piccola biopsia nel tessuto endometriale per evidenziare eventuali stati infiammatori cronici (endometrite). Mi vengono in mente anche altri esami del sangue potenzialmente utili: esami per valutare la funzione tiroidea, per escludere il diabete o la celiachia…però è giusto che la vostra ginecologa di riferimento valuti quali siano le indagini più appropriate. Io posso segnalare che per chi cerca la gravidanza è utile ad esempio che il TSH (l’ormone che stimola la tiroide) rimanga inferiore a 2.5 e che se dovesse risultare più alto alle analisi, si può introdurre una terapia con Levotiroxina a basso dosaggio (ad esempio 25 microgrammi/die lontano almeno 30 minuti dalla colazione). Inoltre è utile assumere acido folico (400 microgrammi/die lontano da the e latticini) ed eventualmente un supplemento di vitamina D (1000 unità al giorno oppure 1 fiala da 25.000 al mese). Immagino abbiate già uno stile di vita sano per cui non mi dilungo su dieta, esercizio fisico e astensione da fumo e alcolici per entrambi se possibile. Ricordo che anche il Papillomavirus può essere causa di aborti spontanei ripetuti per cui se non lo avesse fatto di recente, consiglio alla moglie di sottoporsi anche al Pap test oppure in alternativa all’HPV test. Rispetto al tema dell’immunoprofilassi, può essere che il test di Coomb’s indiretto sia risultato ancora positivo per via della precedente iniezione (ci aspettiamo che si negativizzi entro 6 mesi, mentre nel vostro caso erano trascorse solo 8 settimane). Non era indicato effettuarlo alle prime perdite ad inizio gravidanza in quanto a quell’epoca non c’era rischio di passaggio in circolo di globuli rossi embrionali che si formano successivamente. Secondo il Royal College, l’immunoprofilassi addirittura non andrebbe proprio effettuata prima della 12° settimana di gravidanza in quanto il rischio di sensibilizzarsi sarebbe minimo se NON viene effettuato il raschiamento della cavità uterina per completare l’aborto. Spero di averle risposto al meglio e che possiate coronare il vostro sogno di diventare genitori: ve lo auguro di cuore!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti