Aborto da incontinenza cervicale: la fertilità dopo l’accaduto rimane uguale a prima?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 12/09/2022 Aggiornato il 12/09/2022

La possibilità di concepire non viene compromessa da un'interruzione spontanea della gravidanza causata dalla mancanza di tenuta del collo dell'utero.

Una domanda di: Francesca
Buongiorno dottore, lo scorso 16 agosto ho avuto un parto abortivo (22 settimane) a causa della dilatazione del collo dell’utero, senza aver alcun sintomo se non il sanguinamento la mattina del giorno stesso. Vorrei un altro parere, mentre attendo di andare a controllo dalla dottoressa che mi segue, se posso avere rapporti prima dell’arrivo del capoparto e se la mia capacità di avere figli è rimasta alta come prima. Non ho avuto alcun aiuto né raschiamento in ospedale, ho espulso tutto da sola. grazie buona giornata
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Buongiorno,
un aborto da incontinenza cervicale non modifica la possibilità di concepire. Occorrerà però capire se l’aborto sia stato determinato da una infezione o da una problematica congenita del collo dell’utero, anche per ridurre al minimo le possibilità che si ripeta. Se era stata confermata l’assenza di residui intracavitari può avere rapporti sessuali, altrimenti meglio aspettare il controllo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti