Aborto spontaneo: cosa fare subito dopo?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 22/12/2023 Aggiornato il 22/12/2023

Secondo alcuni specialisti l'opzione migliore per avere informazioni chiare sulla causa dii un aborto spontaneo è sottoporre la donna a raschiamento.

Una domanda di: Cristina
Ho 36 anni, dopo 4 dal mio primo figlio venuto al mondo con cesareo anni ho deciso di avere un bimbo. Prima ecografia tutto ok faccio l’esame di Coombs e mi risulta positivo. Io sono ab positivo il mio ginecologo mi fa fare il test di Coombs per identificare gli anticorpi e mi risulta negativo, quindi mi dice che magari hanno sbagliato…poi una mattina mi sveglio con una emorragia, ero alla 12 ^ settimana + 4 giorni, vado subito in ospedale e mi dicono che non c’è più battito e si è fermato alla 9^ settimana…mi dicono che prenderò una pillola e dopo 48 ore un’altra così è stato e dopo ore di contrazioni ho partorito con dolore … mi dicono di ritornare dopo qualche giorno perché è rimasto un coaugulo al collo dell’utero e di continuare a prendere methergin, ma dopo una settimana al controllo in ospedale c’è ancora e me lo tirano con le pinze, non le dico il dolore che dopo una settimana ho ancora. Vorrei chiederle secondo lei perché non mi hanno fatto il raschiamento ma mi hanno dato questa pillola abortiva: è giusto? La ringrazio e in attesa di una sua risposta le mando cordiali saluti.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Cristina,
l’aborto del primo trimestre contraddistingue dal 10 al 25 per cento delle gravidanze perché la natura non permette a embrioni sbilanciati cromosomicamente di proseguire la gestazione, in ragione di questo alcuni medici attendono l’espulsione spontanea dell’embrione e del tessuto placentare oppure facilitano questa espulsione con terapia che sollecita le contrazioni dell’utero. Il mio punto di vista è che a tutte le pazienti deve essere offerta la possibilità di un raschiamento e di un esame citogenetico del tessuto abortivo per sapere perche la gravidanza si è interrotta. Questo ha un costo assistenziale che altri colleghi non ritengono bilanciato dal risultato diagnostico, rispetto il loro punto di vista ma io in caso di aborto spontaneo voglio sapere perché è accaduto, voglio poter fare una diagnosi e poter guardare alle gravidanze suuccessive con maggiore cognizione di causa e, quindi, tranquillità. Ho difeso questo punto di vista anche con il “New England Journal of Medicine” ma il mio commento non fu accettato perché nella costosa realtà assistenziale statunitense risolvere il problema con una terapia medica per bocca ha un suo perché: è più accettabile in quanto meno dispendioso. In caso di aborti spontanei credo invece che sia un bene scegliere l’opzione che meglio permette di capire la ragione dell’accaduto e quindi di dare alla paziente una informazione chira su quanto accaduto. Cordialmente.

Un saluto cordiale suo

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti