Aborto spontaneo: si deve per forza fare il raschiamento?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/02/2024 Aggiornato il 09/02/2024

Dopo un aborto spontaneo, la scelta di attendere che sia la natura a ripulire spontaneamente l'utero oppure di effettuare il raschiamento spetta al ginecologo curante, che decide in base ad alcune variabili tra cui l'epoca in cui la gravidanza si è interrotta.

Una domanda di: Nina
Salve dottoressa,
ho una gravidanza anembrionica…sono arrivata alla 12^ settimana e tra 3 giorni dovrei fare il raschiamento…Ho sperato che tutto partisse in
modo naturale per evitare il raschiamento, ma invece niente, almeno per ora. La mia domanda è se posso aspettare ancora con il raschiamento e sperare
che la natura faccia la sua parte inducendo l’espulsione spontanea o per forza dovrò andare tra tre giorni a fare il raschiamento? Grazie!

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi mancano alcune informazioni per poterle rispondere in modo preciso ma tento comunque. Di solito in presenza di aborto interno (specie se precoce) si può proporre alla donna la condotta di attesa e si può aspettare fino ad un mese di tempo che la Natura faccia il suo corso e l’utero si ripulisca spontaneamente senza bisogno di intervenire chirurgicamente con il raschiamento. Non so da quanto le sia stata fatta diagnosi di aborto interno, ma presumo che il suo raschiamento sia stato fissato circa a un mese di distanza. La cosa particolare, è che lei mi dice di essere arrivata a 12 settimane ma di avere una gravidanza anembrionata. Questo mi fa supporre che la sua gravidanza si sia interrotta molto precocemente (se invece si fosse interrotta a 12 settimane con un feto di sviluppo consensuale, il raschiamento sarebbe stato certamente indispensabile). In casi come il suo, in alternativa al raschiamento, si può optare per induzione farmacologica dell’aborto. Le potranno essere somministrate delle prostaglandine per via vaginale o per bocca (a seconda dei protocolli ospedalieri) che permetteranno al collo dell’utero di dilatarsi e facilitare così la completa pulizia del suo utero. In teoria, dato che la gravidanza si è interrotta molto precocemente, non ci sono rischi di emorragia e lei dovrebbe vedere una mestruazione poco più abbondante del normale. Inoltre, non ci aspettiamo che rimangano residui di placenta attaccati alle pareti dell’utero (cosa che invece spesso accade se tentiamo di indurre l’aborto con farmaci verso la fine del primo trimestre piuttosto che all’inizio). Qualora i colleghi insistano per sottoporla a raschiamento, le posso dire che questa metodica è comunque poco invasiva dal punto di vista chirurgico (è effettuato in regime di day hospital quindi senza ricovero vero e proprio, ha minimi rischi infettivi in quanto viene sempre data la profilassi antibiotica, viene effettuato in sedazione quindi lei non sente alcun dolore e non vede coaguli o la sacca gestazionale a differenza dell’aborto spontaneo). Ultimo “vantaggio”: in caso di raschiamento è possibile inviare inanatomia patologica il materiale per cercare di chiarire quale sia stata la causa di questo aborto spontaneo. Spero di averle dato indicazioni utili per vivere il più serenamente possibile questa vicenda parecchio difficile da accettare…augurandole che il suo compagno possa esserle vicino e sostenerla con pazienza e affetto. La abbraccio a distanza, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti