Acufene: che esami oltre a quelli già effettuati?

Dottor Aldo Messina A cura di Dottor Aldo Messina Pubblicato il 14/03/2022 Aggiornato il 14/03/2022

In caso di acufene, volta effettuati gli esami suggeriti dalle linee guida spetta al medico curante stabilire l'opportunità di effettuare indagini ancora più approfondite: se non vengono prescritte è probabile che non ve ne sia bisogno.

Una domanda di: Valentina
Da circa 5 mesi soffro di un lieve acufene bilaterale a entrambe le orecchie
(come un fischio percettibile solo in momenti di silenzio), e di un acufene
pulsante (sento il battito cardiaco nell’orecchio destro) molto forte
inizialmente monolaterale e successivamente lo avverto talvolta anche nell’
altro orecchio ( ma con minore frequenza e mai contemporaneamente), in
pratica sento come il flusso del sangue che va a ritmo del cuore).
L’acufene pulsante lo sento solo se faccio determinati movimenti (ad
esempio se mi piego in avanti come per raccogliere qualcosa).
Ho fatto visita orl, con audiometria e impedenzometria e andava tutto bene.
Il medico mi ha prescritto rm encefalo con mezzo di contrasto, nella norma.
Riporto l’esito.
“Sono state eseguite sezioni secondo i tre piani ortogonali nello spazio,
ponderate in T1, T2, sequenza FLAIR, in diffusione, in eco di gradiente.
Sono state eseguite sezioni sottili per la valutazione dettagliata delle
strutture della fossa cranica posteriore dei nervi cranici.
Lìesame è stato completato con mezzo di contrasto (Prohance 0.2 mL pro Kilo)
In fossa cranica posteriore non vi sono alterazioni intra o extra assiali.
Ben rappresentato bilateralmente il pacchetto acustico facciale.
Non vi sono alterazioni negli angoli pontocerebellari.
A livello sovratentoriale i ventricoli laterali e i solchi sono di
dimensioni nei limiti della norma per l\’età.
Non vi sono lesioni focali intra assiali.
Non vi sono alterazioni extra assiali o a livello del basicranio.
Non vi è ecvidenza di enhancement patologico dopo contrasto.
Conclusioni: esame normale.
La mia domanda è: poichèé l’acufene pulsante so a volte essere causato da
anomalie vascolari (aneurismi, glomo timpano giugulare ecc, MAV…), questo
esame è in grado di escludere le eventuali cause di acufene pulsante?
so che l’angio rm sarebbe il gold standard ma mi chiedevo essendo comunque
l’esame totalmente negativo (e inoltre mi pare abbia studiato nel dettaglio
l’area dell\’angolo ponto cerebellare) se posso stare tranquilla e
escludere cause organiche gravi per il mio acufene pulsante anche se ho
fatto solo rm senza studio della componente angiografica.
Preciso inoltre che ho effettuato anche ecodoppler tsa, nella norma. Ho 33
anni. Ci sono altri esami che dovrei fare per escludere cause gravi
dell’acufene pulsante o posso stare serena? Ho paura che si tratti di
aneurismi, mav o glomo timpano giugulare-carotideo. Grazie mille.
Aldo Messina
Aldo Messina

Buongiorno, affezionata lettrice.
L’acufene pulsante monolaterale è, secondo le linee guida, meritevole di accertamenti diagnostici radiologici che, correttamente, le sono stati indicati.
E’ innegabile inoltre che, per le patologie vascolari, andrebbero eseguite le sequenze angio o la angioTC, tuttavia nel suo caso mi sembra eccessivo, visto il tempo trascorso dall’inizio della sintomatologia (sono alcuni mesi che le è comparso il disturbo). Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti