Difficile addio al pannolino (ma solo per la cacca)

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 27/01/2022 Aggiornato il 27/01/2022

Non stupisce che occorrano più tempo e più pazienza per abituare una bambina di appena due anni a usare il vasino non solo per fare pipì.

Una domanda di: Madalina
Ho cominciato lo spannolinamento a mia figlia tre settimane fa. Devo dire che la bimba è bravissima a chiedermi quando deve fare la pipì o la cacca. L’unico problema è che la cacca non riesce a farla se non le metto il pannolino, oltretutto è diventata anche un po’ stitica. La mia paura è che lei non faccia la cacca se non le metto il pannolino e questo comporti la stitichezza. Cosa devo fare? Mi potete consigliare qualcosa? È troppo presto ancora per la cacca? Ci tengo a precisare che la bimba ha 2 anni e due mesi e che per gioco ha cominciato a fare la pipì sulla tazza dei grandi, da lì in pochi giorni con il riduttore, poi di giorno ho levato del tutto il pannolino. Grazie mille per tutti i consigli.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile mamma, innanzi tutto devo confermarle che la sua bambina è davvero brava e molto precoce. Spesso con le feci il problema dell’evacuazione è più complicato, quindi non stupisce che lo sia in questo caso. Innanzi tutto si accerti che la bambina spinga appoggiando bene i piedi per terra e quindi, allo scopo, è più utile non il riduttore ma il classico vasino o almeno uno sgabello comodo sotto la tazza del water. In più, l”operazione” dovrebbe avvenire una volta al giorno con ritmicità, cioè verso una stessa ora della giornata, in genere dopo un pasto. Da tenere presente, che nell’atto della evacuazione la bambina sa che perde una parte di quanto le appartiene e questa situazione/sensazione può bloccarla nello scaricarsi e suggerirle di trattenersi. Alla luce di questo, il pannolino è come un contenitore ancora attaccato alla bimba, che quindi grazie a esso può avere la rassicurante impressione di controllare la perdita (della cacca). Se lei, facendo alcune prove, dovesse cogliere quest’ultimo problema dovrà lasciare passare ancora un po’ di tempo e poi più avanti iniziare una sorta di rituale della evacuazione, alla stessa ora, facendo vedere alla bambina dove vanno a finire le feci. Gradualmente e con un po’ di pazienza vedrà che l’obiettivo verrà raggiunto. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti