Agnocasto: contrasta l’iperprolattinemia indotta da un farmaco?

Dottor Antonello Sannia A cura di Dottor Antonello Sannia Pubblicato il 18/03/2024 Aggiornato il 18/03/2024

L'agnocasto è un arbusto utilizzato in fitoterapia per alcune sue proprietà. Si può provare a impiegarlo sotto forma di estratto per abbassare i livelli della prolattina.

Una domanda di: Barbara
Assumo amisulpride 25 mg da un mese per distimia. Non posso assumere SSRI o triciclici per intolleranza.
Nessun effetto collaterlae tranne iperprolattinemia: 279 il valore. Ho letto che l’agnocasto potrebbe aiutarmi, ma quanto può
abbassare il valore? Sicuramente starei molto male con la cabergolina.
Grazie.
Antonello Sannia
Antonello Sannia

Il farmaco amisulpride aumenta notevolmente il livello di prolattina, come riportato anche nel foglietto di accompagnamento del farmaco nell’elenco degli effetti indesiderati. Può provare ad assumere un estratto di agnocasto titolato in agnuside minimo 3% alla dose di circa 70 mg al mattino al risveglio e 70 mg nel tardo pomeriggio, preferibilmente a stomaco vuoto. Dopo 2 mesi di cura provi a rifare il dosaggio della prolattina. Non è possibile comunque indicare di quanto il rimedio potrebbe abbassare i valori della prolattina. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti