Aiuto! Di sicuro non sono incinta ma ho paura di esserlo

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 27/03/2023 Aggiornato il 10/04/2023

Una paura ossessiva e ingiustificata che minaccia la serenità, crea ansia e peggiora sensibilmente la qualità della vita merita di essere sottoposta all'attenzione di uno specialista in carne e ossa.

Una domanda di: Chiara
Chiedo scusa se vi contatto, ma mi trovo in forte difficoltà (soprattutto psicologica). Ho paura di essere incinta nonostante non ve ne sia motivo. Ho avuto un rapporto involontariamente non protetto circa 13 settimane fa nel mio periodo fertile, e ho subito preso il contraccettivo di emergenza Afterel sperando di evitare una gravidanza. Credo sia stata la situazione di panico provata, ma nonostante le beta negative a 26 giorni dal rapporto, un test casalingo a 50 giorni (che ho paura di aver fatto male, con le urine troppo diluite) e il ciclo arrivato 3 volte in questi 3 mesi, ho un senso di panico che mi pervade e la paura di essere in realtà incinta, senza però averlo scoperto. Ho fatto anche una visita ginecologica dopo circa 5 settimane dal rapporto, in cui la ginecologa mi ha aumentato il senso di ansia dicendomi che non avrebbe trovato niente in utero anche se fossi stata incinta perché troppo presto, e che “dato che ci tenevo tanto a diventare mamma” mi aveva dato la cartellina medica delle mamme (mi ha anche trovato una falda di liquido nel Douglas). A fare in modo che quest’ansia si ripresentasse è anche un aumento strano della pancia, ho come l’impressione stia crescendo e un dolore tagliente al basso ventre, come se ci fosse una spada quando mi muovo o faccio determinati movimenti. A febbraio, inoltre, ho anche preso Effiprev proprio per evitare cose di questo tipo, ma ho dovuto staccarla perché troppo forte per il mio corpo dopo solo 5 giorni, questo mi ha portato ad altri sintomi che non fanno altro che spaventarmi ulteriormente. So che le mie paure sono irrazionali e antiscientifiche, ma ho davvero bisogno di uscir fuori da questo tunnel buio, ecco perché sto chiedendo una vostra opinione.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentilissima Chiara, in primo luogo non si deve scusare: siamo a disposizione dei lettori e delle lettrici per offrire il nostro parere e, se possibile, sostegno e aiuto. Veniamo alla sua domanda, iniziando con lo specificare che le paure sono “antiscientifiche” per definizione, come è normale siano. Quello che mi ha colpito di questa sua email è la trascuratezza rispetto alla formazione di liquido nella cavità del Douglas. Questo segno, infatti, del tutto aspecifico, potrebbe sì non essere dovuto a nulla di significativo, ma richiede un approfondimento nel momento in cui si associa alla comparsa di sintomi (lei riferisce pancia gonfia, dolore tagliente al basso ventre). Potrebbe, infatti, anche essere conseguenza di un’infiammazione che coinvolge un organo situato nell’addome. Si confronti dunque con il suo medico circa l’opportunità di effettuare alcune indagini, come l’esame completo del sangue (con controllo del valori relativi al fegato) ed eventualmente un’ecografia addominale. Richiederei anche il dosaggio degli ormoni tiroidei per escludere alterazioni della tiroide che potrebbero dare segni di sé anche incidendo negativamente sul tono dell’umore. Per quanto riguarda il resto, il suo timore ossessionante quanto infondato di essere incinta potrebbe essere in relazione con una forma depressiva che però non posso certo diagnosticare io da remoto. Io posso solo formulare alcune ipotesi, ma poi dovrà essere un collega in carne e ossa a stabilire, dopo aver escluso un problema organico, se si può trattare proprio di questo e pianificare di conseguenza una strategia terapeutica appropriata (associazione di farmaci e psicoterapia, per esempio). Il mio consiglio è di sottoporsi a un ulteriore controllo ginecologico visto che se fosse incinta a questo punto, dopo 13 settimane dall’ipotetico (e in realtà non avvenuto) concepimento, si vedrebbe. Naturalmente può già essere sicura di non essere incinta, visto che da allora ha già avuto tre flussi mestruali arrivati regolarmente. Tuttavia se può servire a tranquillizzarla finalmente, direi di effettuarlo. Per quanto riguarda l’attività sessuale, nel suo caso è senz’altro opportuno il ricorso alla contraccezione ormonale che, se utilizzata correttamente (senza dimenticanze), mette al riparo dalla possibilità di gravidanze e quindi può contenere la sua ansia dovuta alla paura di rimanere incinta. Mi tenga aggiornata se lo desidera. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti