Alimentazione e ferro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/10/2017 Aggiornato il 30/10/2017

Le fonti di ferro altamente biodisponibili sono la carne e il pesce. Le proteine vegetali non sono altrettanto efficaci per coprire il fabbisogno di ferro dei piccolini.

Una domanda di: Barbara
Buonasera, avrei due domande, mia figlia di 5 anni ha ferritina bassa, vorrei chiedere come curarla con l alimentazione. Inoltre, ho iniziato lo svezzamento per il mio 8mesenne, ma non do né carne né pesce, ogni quanto devo dare legumi? A parte lenticchie decorticate, se ceci e fagioli li frullo col mixer a immersione, posso darli lo stesso?
Grazie mille

Alessandra Bosetti
Alessandra Bosetti

Buon giorno Barbara,
le fonti alimentari di Ferro eme sono carne, pesce e loro derivati. Troviamo a seguito anche le fonti vegetali con una minore biodisponibilità (ovvero meno utilizzabili dall’organismo): ortaggi e legumi. Il ferro in esse contenuto si chiama non eme ed è meno efficace, anche in quanto associato ai fitati, di quello di provenienza animale. Alla luce di questo inconfutabile dato ritengo anche utile adottare due strategie a tavola: condire con succo di limone le verdure, perché il limone favorisce l’utilizzo di entrambi i tipi di ferro, ridurre il consumo di cereali integrali ( in controtendenza con le mie normali prescrizioni) e supplementare con lattoferrina (è una proteina in grado di trasportare il ferro) per rendere ancora più assorbibile il ferro contenuto negli alimenti: ne parli comunque con il suo pediatra curante. Non entro nel merito di scelte etiche, ma a 6 mesi i bambini hanno bisogno di carne e/o pesce ricchi di proteine nobili che legumi+cereali avvicinano ma non eguagliano nella completezza biologica. Poi bisogno considerare le porzioni e le frequenze di consumo settimanale: se si prediligono fonti vegetali, le altre proteine si possono offrire con questa frequenza settimanale, considerando dunque 14 pasti: carne 2 volte; pesce 4 volte; formaggio 3 volte; legumi 3 volte. I legumi trasformati in purea cremosi e omogenei risulteranno graditissimi alla sua piccolina.
Un caro saluto

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti