Allattamento, attività fisica e perdita di peso

Dottoressa Chiara Boscaro A cura di Dottoressa Chiara Boscaro Pubblicato il 13/11/2023 Aggiornato il 13/11/2023

Si deve tenere conto del fatto che l'allattamento di per sé impone un dispendio calorico fino a circa 500 calorie al giorno, quindi è normale che se non si mangia un po' di più del solito, mentre si allatta e si continua a fare attività fisica, si perda peso.

Una domanda di: Chiara
Buongiorno Dottoressa, scrivo per chiarire un dubbio in campo nutrizionale.
Sono una donna di 37 anni, casalinga con due figli di 4 anni e 20 mesi. Peso
55-56 kg e sono alta 170 cm. Fin da bambina ho praticato attività sportiva,
a livello agonistico fino all’adolescenza e poi palestra e running. Al
momento la mia attività è camminare, passo sostenuto, 7 km al giorno
(un’ora in tutto) a cui vanno sommati circa 5000-7000 passi che faccio per
svolgere le attività fuori casa (prediligo i piedi anziché la macchina).
Allatto la bimba piccola 5-6 volte nelle 24h. La mia alimentazione è sana,
cereali integrali, legumi, frutta e verdura, pesce ecc ecc. Ho calcolato le
calorie che assumo giornalmente e vanno dalle 2000 alle 2100/2200. Il mio
dubbio riguarda proprio questo dato, nonostante io assuma un quantitativo
non indifferente di calorie il mio peso tende a scendere. Mi chiedo, quindi,
il mio apporto calorico è insufficiente o può esserci qualche altra ragione
per questo dimagrimento? Gli ultimi controlli medici risalgono a poco meno
di un anno fa ed erano tutti nella norma. Ringrazio molto per l’attenzione.
Un cordiale saluto.

Chiara Boscaro
Chiara Boscaro

Gentile Signora,
dai dati che riporta in base all’attività sportiva praticata nell’arco della Sua vita, la Sua massa muscolare è buona, ciò comporta di per sé un buon metabolismo basale. Le calorie che introduce sono corrette per una donna normopeso della Sua età.
L’allattamento però, ottimale e consigliato, comporta un dispendio energetico fino a 500 kcal al giorno e perciò il Suo fabbisogno calorico richiede un aumento delle richiesta energetica per la produzione di latte materno.
L’attività fisica che svolge quotidianamente comporta un dispendio energetico giornaliero di 200 -300 kcal circa (camminata di 7 km ) oltre ad altri 250 kcal circa ( media di 6000 passi al giorno).
Ciò significa che tra allattamento e attività motoria può arrivare a consumare anche 900-1000 kcal giorno, che di per sé comporta una riduzione costante del peso corporeo se messe in relazione con il numero di calorie che introduce.
L’attività motoria quotidiana in ogni caso è sempre auspicabile e consigliabile .
Le consiglio un aumento calorico quotidiano di almeno 600 kcal al giorno, inserendo ad ogni pasto una fonte di carboidrati complessi (70-80 g a crudo), una fonte proteica (150-200 g di carne o pesce, legumi, 2 uova oppure formaggi 100 g, affettati 60 g) , fibre (200 g di verdura) , olio evo (4 cucchiaini a pasto) inserendo spuntini ricchi di calcio e vitamine (in particolare la D), di cui c’è un aumentato fabbisogno in allattamento, come yogurt bianco intero, 2 frutti al giorno.
In questo modo garantirà una produzione di latte ottimale, si sentirà meglio e manterrà un peso corporeo costante. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti