Allattamento e alimentazione

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/04/2018 Aggiornato il 16/04/2018

Se durante la gravidanza l'aumento di peso è stato eccessivo, è senz'altro opportuno, durante l'allattamento, seguire un tipo di alimentazione che consenta una perdita graduale dei chili di troppo. Questo significa non certo affrontare diete drastiche ma solo mangiare un po' meno (ed eliminare dolciumi e stuzzichini).

Una domanda di: Amorelia
Sono mamma di una bambina di poco più di quattro settimane che sto allattando unicamente al seno. Durante la gravidanza ho preso molto peso e la mia domanda è questa: se seguo una dieta costituita da insalata, verdura, frutta e poca carne e pesce (perché non mi piacciono) e tanta acqua, c’è io rischio che perda il latte oppure no?

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma,
un conto è assumere meno carne e pesce , cosa che può essere sicuramente intrapresa in gravidanza, un conto è alimentarsi di sola verdura e frutta. Diciamo dunque che anche se è più che giusto e opportuno limitare la quantità di cibo giornaliera lo è altrettanto inserire nella dieta qualche fonte proteica (uovo, legumi, formaggi). L’assunzione di carboidrati (pasta, pane) e di grassi (formaggi, latte, olio) dovrebbero essere contenuta. Bere acqua in abbondanza è assolutamente necessario per la produzione del latte, non a caso le mamme che allattano al seno di solito hanno molta sete (è un meccanismo di difesa utile per indurre a bere). Diciamo quindi che la sua alimentazione, per consentire una graduale perdita di peso e, allo stesso tempo, risultare sufficiente per la produzione di latte dovrebbe essere varia, ben bilanciata, ricca di frutta verdure ma anche proteine (anche i legumi ne contengono!), riso e pasta. Elimini invece gli zuccheri semplici (dolciumi) e gli stuzzichini (patatine, salatini e così via) che non sono necessari e, allo stesso tempo, ostacolano la possibilità di perdere peso. In generale, è buona cosa che lei assecondi le richieste che arrivano dal suo istinto e vedrà che riuscirà sia a mandare avanti l’allattamento al seno nel migliore dei modi, sia a perdere chili a poco a poco. Quello che conta è comunque agire con buon senso, evitando quindi di affrontare diete drastiche in un momento così particolare. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Leo Venturelli

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti