Allattamento e assunzione di EllaOne

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 31/05/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Dopo l'assunzione della pillola dei 5 giorni dopo, l'AIFA indica di sospendere l'allattamento per una settimana. In quest'arco di tempo occorre tirare il latte (e poi buttarlo) per mantenere attiva la produzione.

Una domanda di: Alessandra
Durante l’allattamento di mia figlia di 2 anni, assumevo la Cerazette. Visto la dimenticanza di una compressa ho dovuto prendere la pillola Elle One dei 5 giorni dopo. Quando posso riprendere ad allattare la mia bambina?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, l’allattamento dopo assunzione di EllaOne si può riprendere dopo 24 ore. Nel mentre, è opportuno svuotare il seno ed eliminare il suo latte.
Se stiamo alle indicazioni dell’AIFA, agenzia italiana del farmaco, il divieto di allattare si estende addirittura fino a 7 giorni dopo l’assunzione di questa pillola.
Questo perché gli studi che hanno valutato l’eliminazione del farmaco e del suo metabolita, hanno osservato la presenza di queste sostanze nel latte materno fino a 5 giorni dopo l’assunzione. Tuttavia mi sembra interessante osservare che, assumendo la dose prevista di 30 mg in una donna di 60 kg di peso corporeo, si stima che il bimbo riceva una dose di farmaco e metabolita attivo pari allo 0.8% nel primo giorno e arrivi all’1% della dose totale materna nel corso dei 5 giorni dopo l’assunzione di EllaOne.
Questo significa che, fatta eccezione per il primo giorno dopo l’assunzione, il farmaco sarà presente in dosi così limitate nel latte materno da non poter interferire negativamente sulla salute della sua bimba. Per contro, sette giorni di sospensione dell’allattamento può comportare la perdita del latte, quindi comunque se si opta per questo è importante continuare a togliere il latte con il tiralatte per mantenere la produzione (sempre continuando a buttare via il latte estratto). Spero di esserle stata di aiuto, a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti