Allattamento e cibi pronti

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 02/02/2021 Aggiornato il 02/02/2021

La quantità di conservanti eventualmente presenti nei piatti pronti è trascurabile, quindi non crea problemi al bimbo allattato al seno.

Una domanda di: Maria
Gentile dottore, sto allattando mio figlio e siccome ho anche un altro bimbo
piccolo, per mangiare mi avvalgo spesso di piatti pronti quindi con
conservanti perché non ho tempo di mettermi a cucinare. Mi è sempre stato
assicurato che in allattamento posso mangiare ciò che voglio senza
limitazioni ( tranne vino ovviamente) ma vorrei averne la certezza anche da
lei perché comunque voglio essere sicura che anche se mangio cose non molto
sane , i conservanti non siano un pericolo per il bambino ( e se per
caso ho sbagliato cosa potrei aver causato al bimbo?) Grazie.

Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile signora Maria,
la quantità di conservanti alimentari che potrebbe essere eventualmente presente nel latte materno è pressoché trascurabile e non in grado di causare effetti indesiderati nel lattante.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti