Alle terme in gravidanza: ci sono pericoli?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/11/2019 Aggiornato il 20/11/2019

Ci sono percorsi termali sconsigliati in gravidanza per via delle temperature elevate a cui espongono il corpo.

Una domanda di: Laura
Sono entrata alle terme di Pré Saint Didier ignorando che vi fosse il divieto per le donne in gravidanza (sono all’ottava

settimana di gestazione). Arrivata a bordo vasca è scattato un campanello d’allarme e sono tornata alla reception per chiedere se, oltre a sauna e bagno turco, ci fossero

altri percorsi da evitare e solo in quel momento mi è stato detto che, trattandosi di acque radioattive, avrei potuto soggiornare solo nelle aree

relax senza fare il bagno.

E così è stato. Ribadisco: non sono entrata in acqua, ho sostato pochi secondi a bordo vasca e poi mi sono allontanata.

Ho tenuto un comportamento potenzialmente rischioso?

Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi sembra improbabile che le acque termali di Pré Saint Didier siano radioattive…sarebbero un pericolo per la salute pubblica!
Il “divieto” per le donne in gravidanza deriva dal fatto che questi percorsi benessere possono esporre il corpo a temperature elevate mentre in gravidanza, soprattutto nel primo trimestre, è bene che il corpo non sia esposto a temperature maggiori di 38°C.
Inoltre, in caso di sauna o bagno turco, è molto facile sudare abbondantemente e andare incontro a cali di pressione arteriosa, con possibili svenimenti nelle donne incinte che già hanno valori di pressione piuttosto bassi.
Non vedo quindi alcun rischio per lei, visto il comportamento che mi ha descritto.
Spero di averla rasserenata…così da godersi il resto della gravidanza senza preoccupazioni di sorta di aver causato problemi al nascituro.
Resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti