Amenorrea dopo aver smesso l'”anello”

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 18/01/2021 Aggiornato il 18/01/2021

Dopo aver smesso di assumere il contraccettivo ormonale, per qualche mese le mestruazioni potrebbero non tornare.

Una domanda di: Marica
Sono una ragazza di 28 anni ed ho proprio bisogno di capire cosa mi succede.
Dopo 6 anni ho smesso di utilizzare Nuvaring, premetto che non ho iniziato
ad utilizzarlo per problemi con il mio naturale ciclo mestruale, ma solo per
evitare una gravidanza indesiderata. Tuttavia, ho smesso perché da circa 6
mesi avevo avuto un grande calo della libido e mestruazioni scarsissime e
dolorose. Quando iniziai ad utilizzarlo mi era stato detto di sospenderlo
almeno una volta l’anno, sospensione che non ho mai fatto, e per tutte
queste ragioni nel mese di novembre 2020 ho quindi tolto nuvaring per il
periodo di sospensione e non l’ho piú rimesso. Dopo esattamente 30 giorni
ho avuto le mestruazioni naturali, successivamente non ho avuto rapporti
sessuali, ma il 26 dicembre ho avuto delle perdite molto rosse, tanto da
pensare che mi stessero tornando le emstruazionio, invece ho continuato ad avere SOLO
la mattina dei 3-4 giorni successivi queste piccolissime perdite rosse e poi
il nulla. Attendevo il ciclo mestruale il giorno 8 Gennaio, ma del ciclo fino
ad oggi nessuna traccia, ma ho avuto un rapporto con coito interrotto il giorno
10 Gennaio. A questo punto vi chiedo, è normale che salti il ciclo mestruale
dopo aver utilizzato nuvaring per lungo tempo? Cosa mi consigliate di fare,
è possibile che sia incinta pur non avendo alcun sintomo?
Perdonatemi se ho scritto molto, ma volevo che aveste il quadro completo per
potermi aiutare. Resto in attesa di una cortese risposta e vi ringrazio per
la disponibilità donata.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, un preparato ormonale impiegato per anni, sia esso pillola cerotto o anello vaginale, provoca una riduzione del flusso mestruale durante l’uso e può determinare una amenorrea (assenza di mestruazioni) anche nei mesi successivi alla sua interruzione, senza che questo rappresenti qualcosa di significativo dal punto di vista medico. Infatti, in genere la situazione si risolve senza conseguenze. E’ opportuno comunque in tale periodo osservare un minimo di attenzione contraccettiva perché non si può escludere che possa verificarsi l’ovulazione anche in assenza di mestruazione. Per puro scrupolo, le consiglio dunque di effettuare un test di gravidanza, che comunque darà quasi di certo esito negativo. Dopodiché, se dovesse superare i sei mesi di amenorrea allora potrebbe essere opportuna una valutazione specialistica con prescrizione dell’esame del sangue per il dosaggio degli ormoni ovarici e ipofisari. Può essere utile inoltre richiedere anche il dosaggio degli ormoni tiroidei. Dunque, se le mestruazioni non dovessero tornare consulti il suo specialista di fiducia. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti