Amenorrea dopo un aborto spontaneo

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 05/03/2021 Aggiornato il 05/03/2021

E' normale che dopo un'interruzione di gravidanza il ciclo presenti delle irregolarità.

Una domanda di: Cristina
Ho avuto un aborto spontaneo (alla 9 settimana ma embrione fermo alla 5) senza raschiamento l’11 gennaio, successivamente ho effettuato ecografia e controllo beta, risultato utero pulito (evidenziato solo una cisti, probabile corpo luteo gravido che non si era ancora riassorbito) e beta a zero. In ospedale mi hanno detto di attendere altre 2 settimane per la mestruazione. Visto che non tornava mi è stato prescritto dufaston per 10 giorni (1 al dì) ma la mestruazione non è tornata. Al momento il ginecologo che mi ha seguito durante l’aborto è assente e non so se devo preoccuparmi per il fatto che a oggi non sono arrivate le mestruazioni.
Per sicurezza ho effettuato un test di gravidanza che risulta negativo e degli stick ovulatori in quanto da un po’ di giorni continuo ad avere dolori verso ovaia sinistra, quindi ho pensato a un’ovulazione imminente.
Gli stick però risultano stranamente positivi da troppi giorni (stick che misurano estradiolo e LH, quindi mi visualizzano picco estradiolo e picco LH da almeno 5 giorni e non credo sia normale). Questi dolori possono essere qualcosa di più grave (mi preoccupa la cisti evidenziata in ecografia) ed è opportuno che prenoti una ecografia o è normale che la prima mestruazione dopo un aborto spontaneo arrivi dopo 50-60 giorno, e il dolore è solo una conseguenza di riassestamento ormonale?

Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, dopo un’interruzione di gravidanza la mestruazione torna con tempistiche diverse rispetto ai cicli normali. C’è tutto un ambiente ormonale da gravidanza che deve ritornare alla normalità. La cisti evidenziata con l’ecografia potrebbe avere un ruolo o magari no, oppure potrebbe essere già scomparsa. Le consiglierei di stare tranquilla (più si sta tranquilli e più il ciclo funziona meglio) e, se la mestruazione non fosse tornata per il 15 marzo, ritengo che sia opportuno rivolgersi ad un ginecologo che possa seguirla in tutto il suo percorso. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti