Amenorrea e test di gravidanza negativo

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 04/10/2021 Aggiornato il 16/08/2023

Durante l'età fertile, se le mestruazioni non compaiono e non è iniziata una gravidanza è opportuno un controllo ginecologico con ecografia ed eventualmente esame del sangue per i dosaggi ormonali.

Una domanda di: Giulia
Scrivo per un consiglio legato al ritardo della mestruazione. Premetto che
non ho un ciclo mestruale perfettamente regolare.
Ho avuto l’ultima mestruazione il 13 Agosto.
Il giorno 14 settembre ho effettuato il primo test di gravidanza sulle urine
risultato negativo.
Il giorno 28 settembre ho effettuato secondo test di gravidanza su urine del
mattino, anche questo palesemente negativo.
La mestruazione continua a non arrivare, nonostante abbia i soliti sintomi
(crampi addominali, tensione al seno). Da qualche giorno avverto un leggero
senso di nausea.
Cosa dovrei fare?
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, descrive un ritardo mestruale non definendo l’età e le sue condizioni cliniche. Visto che ha eseguito il test di gravidanza deduco che lei sia in età fertile, pertanto se ha ottenuto un risultato negativo diventa opportuno indagare sul ritardo. Se nei prossimi giorni le mestruazioni non dovessero comparire (ma magari accadrà, visto che ha i sintomi caratteristici) le suggerisco una verifica con il suo ginecologo di fiducia, con controllo ecografico ed eventuale valutazione, attraverso analisi del sangue, della funzione ovarica, tiroidea e ipofisaria. tenga comunque presente che un’irregolarità mestruale che si verifica occasionalmente ed è poi seguita dalla ricomparsa delle mestruazioni difficilmente è espressione di qualcosa di significativo che non va. Diciamo che può succedere e che merita un approfondimento solo se si protrae nel tempo, anche associata ad altri sintomi. In altre parole, nell’arco della vita fertile di una donna può accadere che occasionalmente le mestruazioni tardino a comparire senza che questo sia clinicamente rilevante. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti