Amenorrea secondaria: meglio assumere più ormoni dopo il transfer?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 26/05/2023 Aggiornato il 26/05/2023

In caso di procreazione medicalmente assistita, i medici prescrivono preparati ormonali secondo protocolli stabiliti, che non verrebbero in nessun caso modificati in base a quanto ritenuto meglio dalla futura mamma.

Una domanda di: Manuela
Buongiorno una paranoia in attesa delle beta.
Io soffro di amenorrea secondaria da sempre con valori ormonali bassi/inesistenti. Nel mio caso dopo il transfert avrei dovuto prendere maggiori dosaggi di estradiolo e progesterone rispetto alle donne “normali”?
Grazie.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Manuela,
dopo un transfer embrionario vi sono delle raccomandazioni piuttosto standardizzate di supplementazione ormonale per garantire miglior possibilità di impianto.
Sono convinto che il trattamento che le hanno prescritto sia adeguato e la sua situazione di amenorrea secondaria non può inficiare il margine di successo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti