Amniocentesi o no? Questo è il dilemma

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 07/10/2020 Aggiornato il 07/10/2020

L'amniocentesi è il mezzo più attendibile per togliersi ogni dubbio sulla salute del bambino, ma sull'opportunità di effettuarla deve decidere la futura mamma.

Una domanda di: Alessandra
Buongiorno,
ho 37 anni e sono in attesa di un maschietto. La morfologica a 19+2 ha evidenziato la presenza di un focus al cuore (ventricolo sinistro) e due cisti coriodei di dimensione non superiore a 5mm.
All’11 settimana ho effettuato già il DNA fetale e il rischio per trisomie e sindrome di George è risultato basso: 1:10000.
La translucenza non ha evidenziato nulla e durante la morfologica il ginecologo ha valutato la situazione in modo approfondito e non ha evidenziato nessun altra anomalia.
In realtà ho paura dell’amniocentesi e vorrei evitarla. Non mi è stata vivamente consigliata ma mi è stato detto che sono libera di scegliere se farla perché i rischi sono molto bassi.
Che grave rischio sto correndo?
Sono terrorizzata…
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, è difficile rispondere alla sua domanda, sulla base di quanto scrive. Tenga però presente che gli esami che ha effettuato non sono diagnostici ma identificano un rischio, basso nel suo caso, di alcune trisomie e sindromi. Alla settimana gestazionale in cui si trova [passata la 19° settimana] immagino le sia stata proposta l’amniocentesi per il cariotipo molecolare, per il quale il risultato si ottiene in soli 3 giorni. Il rischio dell’amniocentesi è molto basso, specie a quest’epoca, minore dell’1%. Questi sono i numeri ai quali deve fare riferimento. Ne parli col suo compagno, eventualmente di nuovo col suo ginecologo e poi decida anche in base a quale delle due scelte, nulla o l’amniocentesi la fa stare più tranquilla. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti