Amoxicillina a inizio gravidanza: ci sono rischi?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 21/07/2020 Aggiornato il 21/07/2020

L'amoxicilina in associazione con l'acido clavulanico è un antibiotico che non espone a rischi se assunto in gravidanza.

Una domanda di: Rossella
Salve. Sono in attesa di 5 settimane, ma questo mese ho assunto per sei giorni un antibiotico (clavulin). Sono nel panico. Potrei aver causato danni al mio piccolo/a?
Aspetto con ansia una risposta. Grazie mille.

Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Rossella,
gli studi disponibili sull’uso dell’amoxicillina+acido clavulanico (Clavulin) non documentano un aumento del rischio di malformazioni oltre il livello di base a cui è esposta la popolazione generale.
L’amoxicillina, da sola o come nel suo caso in associazione all’acido clavulanico, è tra gli antibiotici considerati di scelta in gravidanza. Stia tranquilla, dunque. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti