Ancora dubbi dopo l’isterosalpingografia

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/08/2018 Aggiornato il 26/08/2018

L'opportunità di sottoporsi a un'isteroscopia operativa, dopo l'isterosalpingografia, va valutata con il ginecologo curante.

Una domanda di: Lucia
Salve dottoressa, la ringrazio per la sua opinione. Per quando riguarda la clamidia, sì l’ho avuta ed è stata identificata con i tamponi vaginali. Sono molto soggetta ad infezioni vaginali, a volte penso che mi vengano subito dopo o quasi i rapporti, non so proprio come gestire la cosa nessuno mi sa dire di più, me ne sono semplicemente accorta da sola, per quando riguarda il piccolo difetto intraluminale non ho sintomi, non so neanche quali possono essere i sintomi. Il ciclo in questo periodo non mi dà problemi (accusavo qualche mese fa molto di più dolori mestruali) o perdite dopo la sua scomparsa. Ho invece a volte piccole macchioline marroni prima del ciclo, ma credo sia normale… In caso di isteroscopia operativa sarebbe un vero e proprio intervento? Può compromettere la possibilità di rimanere incinta o causare problemi anche durante una gravidanza ? In allegato le mando anche il pap test, non so se può avere una relazione con il risultato della isterosalpingografia. Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile signora, mi è difficile risponderle non avendo idea delle dimensioni di questo “piccolo difetto intraluminale del fondo uterino”. Potrebbe trattarsi di un polipo endometriale e, se fosse abbastanza “grande” (parliamo sempre di alcuni millimetri!) potrebbe risultare sintomatico ossia causarle delle perdite ematiche più abbondanti del dovuto durante il ciclo mestruale oppure dei sanguinamenti intermittenti tra una mestruazione e l’altra. Potrebbe anche essere piccolo e non darle problemi, ci mancherebbe! Dal momento che desidera una gravidanza, è a mio parere giusto indagare la natura di questo “piccolo difetto intraluminale del fondo uterino” e valutare se sia opportuno asportarla mediante l’isteroscopia operativa che rimane comunque un intervento con i suoi inevitabili rischi, sebbene si tratti di un intervento minore che di solito non richiede l’anestesia generale ma solo una breve sedazione e, inoltre, comporta un ricovero in regime di day-hospital (ossia con dimissione nel giorno stesso dell’intervento). L’asportazione di un polipo endometriale non comporta rischi per una successiva gravidanza, mentre invece l’essere portatrici di un polipo potrebbe mettere a rischio di aborto spontaneo una gravidanza. Quanto al suo esame citologico del collo uterino (pap test) è perfetto. Spero di esserle stata di aiuto e le auguro di avere occasione di discutere l’esito dell’isterosalpingografia con il ginecologo che la sta seguendo, così da valutare insieme come meglio procedere nella ricerca della tanto desiderata gravidanza.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti