Ancora podalico in 31ma settimana

Dottoressa Elisa Valmori
A cura di Dottoressa Elisa Valmori
Pubblicato il 17/06/2019 Aggiornato il 29/06/2019

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.

Una domanda di: Daniel
Mia moglie è alla settimana 32+1. All’esame ecografico ci hanno fatto notare che il feto è girato in senso podalico ma che soprattutto ha un
piede verso il basso ed uno al di sopra della testa. Questa cosa ci ha spaventato soprattutto perche non siamo stati rassicurati dal medico. Il feto è 33 cm e 1700 grammi.
Grazie per la risposta.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Caro papà,
mi sento di rincuorarvi perché il vostro bambino sta crescendo bene (il peso è adeguato all’epoca gestazionale) e di sicuro scalcia a più non posso…ormai la pancia si deformerà visibilmente quando il bimbo si muove, dico bene?
Quanto alla presentazione podalica, direi che può succedere di riscontrarla ancora a quest’epoca di gravidanza e poi, al controllo ecografico successivo, che si dovrebbe effettuare a 34-35 settimane, si scopre che il bambino ha “messo la testa a posto”, ossia si è girato cefalico.
Dovrebbe accadere che si giri perché in questo modo guadagna spazio e crescendo gli viene utile posizionarsi in modo da essere più “comodo”.
Nel mentre, il mio consiglio per la mamma è di fare una pressione psicologica perché il bimbo si giri…deve essere convinta lei prima di tutto! (so che sembra paradossale, ma il bimbo a volte “sente” la paura di partorire della mamma e si mette “casualmente” podalico così che lei debba partorire guarda caso proprio col cesareo…che, chissà perché, si teme di meno del parto naturale!)
Oltre al convincimento psicologico, ci sono una serie di posture che dovrebbero facilitare il rivolgimento del bambino (la più classica è quella carponi col bacino più in alto rispetto alle spalle), esistono pratiche di agopuntura e di moxibustione che sfruttano la medicina cinese per promuovere il rivolgimento del bambino in senso cefalico e poi, se a 37 settimane il feto fosse ancora podalico, è possibile ricorrere all’intervento medico di rivolgimento per manovre esterne, ossia alla manipolazione dell’utero sotto guida ecografica in modo da aiutarlo a fare una capriola e mettersi nella posizione corretta…
Insomma, ci sono parecchi metodi per convincere il bambino a girarsi per il verso giusto.
Quanto alla posizione bizzarra del suo bimbo con un piede verso il basso e uno sopra la testa sono sicura che ci sia stata una piccola incomprensione con il ginecologo che vi ha fatto l’ecografia: lui vi ha comunicato la posizione particolare del bambino in quel momento e non ha pensato di rassicurarvi in quanto i feti in utero possono assumere praticamente qualsiasi tipo di posizione per pochi istanti, per poi cambiarla e mettersi in una posizione più comoda di loro gradimento. Nel caso della presentazione podalica, significava semplicemente che aveva steso una gamba verso l’alto (ossia verso la testa) e quindi aveva un piede sulla testa e l’altro immagino piegato vicino al sederino…lo spazio dell’utero è accogliente ma non infinito e al crescere delle dimensioni fetali bisogna accontentarsi per sfruttarlo al meglio, proprio come sta facendo il vostro bimbo!
Spero di avervi rincuorato e che il bimbo “metta la testa a posto” quanto prima, a disposizione se desidera per ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Lavaggi nasali: servono davvero?
23/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I lavaggi nasali rivestono grande utilità non già per uccidere il virus del raffreddore, ma per facilitare la pulizia del naso e favorire la fluidificazione, quindi, l'eliminazione del muco.   »

Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fai la tua domanda agli specialisti