Ancora sulla sudorazione subito dopo l’addormentamento

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 22/02/2021 Aggiornato il 23/02/2021

Nei bambini, la sudorazione eccessiva durante il primo sonno, se non è associata a sintomi particolari, è priva di significato.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno, circa due mesi fa vi avevo scritto riguardo un dubbio che avevo: in pratica mia figlia che ha 3 anni, durante la nanna (specialmente il sonnellino del pomeriggio ma non solo) suda un po’ in testa e si ritrova con i capelli umidi, subito dopo essersi addormentata. Mi avevate tranquillizzata dicendo che se non vi erano altri sintomi strani (ad esempio arresto di crescita, stanchezza ecc ecc ) potevo stare tranquilla e così ho fatto, e di fare attenzione alla temperatura della stanza, a non coprirla troppo ecc ecc. ( e così ho fatto).
In queste settimane ho fatto attenzione a tutto ciò che mi avete detto e ho notato che mia figlia suda quando, a tavola, prima di andare a letto, mangia a fine pasto la frutta o (anche se è molto raro che lo mangi) qualcosa di dolce tipo un biscotto. Preciso che mia figlia mangia sano (ad ogni pasto carboidrati, verdure, proteine e infine a volte frutta, molto raramente un biscotto ma raro). A questo punto mi domando: può essere che la frutta a fine pasto causi una digestione più difficoltosa (nonostante mia figlia va a dormire almeno un’ora e mezza/due dopo il pasto) e anche un aumento dello zucchero nel sangue che causa sudorazione? Cioè, la mia domanda è: la sudorazione potrebbe essere legata a questo e quindi fisiologica, o al contrario il fatto che avvenga quando mangia la frutta può essere patologico e indice del fatto che mia figlia ha un problema di scarso controllo glicemico? Preciso che non beve più del dovuto e non fa la pipì più del dovuto (che so essere sintomi del diabete ). In particolare la pipì la fa 5 volte al giorno e basta (appena sveglia, dopo pranzo, alle 5, dopo cena, prima di andare a letto alle 22.30). Mi devo preoccupare? Naturalmente alla prossima visita filtro ne parlerò anche con la mia pediatra. Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
so che lei ha scritto altre volte su questo argomento e che oltre a me, che sono endocrinologo pediatra, le hanno risposto altri due pediatri. Come le ho già detto non esiste alcuna malattia che abbia come sintomo una sudorazione “a orario”. Non c’è alcuna evidenza scientifica che metta in relazione il consumo di un frutto con l’aumento della sudorazione. Non vi è diabete infantile che si esprima solo con la sudorazione a orario. Posto tutto questo, le consiglio vivamente di verificare la glicemia della sua bambina, non perché ve ne sia bisogno, lo deve fare per sé per togliersi questo dubbio che la assilla. La sudorazione che lei descrive, come le ho già scritto, non ha alcun significato dal punto di vista medico: non si associa ad altri sintomi e la crescita della bambina è regolare. Tuttavia se lei è convinta che sia espressione di una patologia e non c’è modo di farle cambiare idea (nonostante io ci abbia provato) non resta che effettuare l’esame della glicemia. In tutta onestà non mi è chiaro perché non abbia già sottoposto la bambina a questa indagine, che è l’unico mezzo per verificare o escludere se c’è un problema di glicemia alta, così da poter stare tranquilla. Non comprendo neppure come mai a fronte di un sospetto così pesante lei non si sia già confrontata con la pediatra curante … Mi permetto di aggiungere che la preoccupazione che lei esprime per un segno di fatto insignificante come lo è la sudorazione di cui riferisce è senza dubbio fuori misura e forse meriterebbe attenzione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti