Anello contraccettivo: c’è il rischio di gravidanza se si inserisce in ritardo?

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 16/06/2020 Aggiornato il 16/06/2020

Inserire l'anello contraccettivo con 24 ore di ritardo non dà più garanzie circa la sua efficacia contraccettiva.

Una domanda di: Veronica
Uso Nuvaring da molto tempo e ho sempre rispettato giorni e orari di inserimento.
Purtroppo questa volta l’ho inserito con un ritardo di 2 giorni, avrei dovuto rimetterlo sabato alle 19 e 30, ma per domenticanza l’ho inserito
stamattina alle 12 e ieri ho avuto un rapporto non protetto. Volevo sapere se ci fosse il rischio di gravidanza o se posso stare
tranquilla. Grazie mille.

Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Veronica, purtroppo la dimenticanza è francamente a rischio…dopo i sette giorni di pausa infatti è necessario rimettere puntualmente l’anello, in quanto l’organismo viene da sette giorni di silenzio e potrebbe essersi rimesso in moto. Io le consiglierei di prendere il levonorgestrel, la pillola del giorno dopo, se non sono passati oltre tre giorni, l’ulipristal è controindicato, e di fare un test di gravidanza dopo 15 giorni dal rapporto protetto, nonché di non avere rapporti protetti prima di avere l’anello inserito per sette giorni. Le dimenticanze della prima settimana sono le più pericolose, per il motivo sopra accennato, mentre quelle d’’ultima possono essere risolte…saltando la pausa. Le faccio i miei migliori auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti