Anello contraccettivo: da quando inizia la protezione?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/10/2020 Aggiornato il 07/10/2020

Ci sono situazioni in cui è opportuno attendere che siano trascorsi sette giorni dal primo impiego di un contraccettivo ormonale per avere rapporti sessuali non protetti.

Una domanda di: Francesca
Salve,
ho iniziato ad utilizzare Ornibel (prima non usavo nessun metodo contraccettivo) sei giorni fa.
La dottoressa mi ha assicurato di essere coperta sin da subito, anche se l’ho inserito al 4°giorno di ciclo.
Tuttavia ho letto nel foglietto illustrativo che si dovrebbe aspettare 7 giorni prima di un rapporto completo, se l’anello fosse stato inserito tra il
secondo e il quinto giorno di mestruazioni. Sono dunque protetta già al sesto giorno? Posso stare tranquilla o c’è il
rischio di una gravidanza?
Ho richiamato la dottoressa per chiederglielo e mi ha rassicurato dicendomi che loro scrivono 7 giorni, ma in realtà ugualmente si è coperti da subito
perchè i folllicoli sono “disattivati”. Vorrei un secondo parere al riguardo.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara Francesca, io sono dell’idea che per chi come lei non assumeva contraccettivi ormonali in precedenza, occorrano almeno sette giorni di assunzione del metodo ormonale (pillola, anello o cerotto) per essere certi di avere una protezione valida in termini contraccettivi. Detto questo, se il ciclo mestruale che ha visto era una vera mestruazione (non in ritardo, non troppo scarso rispetto al solito) è praticamente certo che lei non riesca ad ovulare anche se ha inserito l’anello vaginale al quarto giorno dall’inizio della mestruazione.
Ormai dovrebbe mancare poco allo scadere dei 7 giorni dall’inserimento, giusto? Se non ha avuto rapporti non protetti in questi giorni, direi che non vedo problemi di sorta. Altrimenti, il mio consiglio è di utilizzare il preservativo almeno fino al settimo giorno dall’inserimento dell’anello. Spero di averla aiutata, a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti