Anello contraccettivo inserito in ritardo

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 19/10/2020 Aggiornato il 19/10/2020

I contraccettivi estroprogestinici proteggono dalle gravidanze indesiderate se vengono impiegati in modo corretto.

Una domanda di: Alessandra
Buongiorno dottoressa, sono un po’ in ansia, uso l’anello vaginale da 1 mese circa, l’ho inserito il 16 settembre per la prima volta nel mio primo giorno di ciclo e tolto puntuale dopo 21 giorni cioè il 7 ottobre alle 17. Dovevo reinserirlo il 14 ottobre alle 17 ma purtroppo me ne sono dimenticata e l’ho inserito il giorno dopo, il 15 ottobre alle 6,35 di mattina. Ieri mattina ho avuto con il mio ragazzo un rapporto completo non protetto perché essendo il primo mese che lo usavo non sapevo che il ritardo potesse essere ‘pericoloso’, ieri tra l’altro guardando su alcuni siti sarei dovuta essere nei miei giorni più fertili avendo un ciclo di 23/24 giorni, anche se prima dell’anello lo avevo anche di 28/29. Secondo lei dovrei prendere la pillola dei 5 giorni dopo o potrei evitare? Grazie.
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Alessandra, se non sono passati sette giorni dall’inserzione in ritardo, come mi sembra, deve prendere norlevo il prima possibile. Ellaone, cioè la pillola dei 5 giorni dopo, per le dimenticanze degli estroprogestinici non va bene, perché è un antiprogestinico. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti