“Anello” inserito in ritardo: può iniziare una gravidanza?

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 03/01/2021 Aggiornato il 03/01/2021

Applicare l'anello contraccettivo in ritardo non permette più di contare sul suo effetto contraccettivo.

Una domanda di: Marta
Ho inserito l’anello con 23 ore di ritardo e in questo lasso di tempo ho anche avuto un rapporto completo, c’è il rischio di gravidanza?
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Marta,
sì purtroppo il rischio gravidanza c’è. Dovrebbe prendere norlevo (la pillola del giorno dopo), non ellaone, e usare una precauzione aggiuntiva per sette giorni, cioè sarà opportuno usare il profilattico. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Fattore V di Leiden e vaccino anti-CoVid-19

26/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Il vaccino contro il Coronavirus non è controindicato alle persone colpite da un problema di coagulazione del sangue.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti