Angioma al fegato in gravidanza

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 04/05/2020 Aggiornato il 04/05/2020

E' opportuno che nel corso della gravidanza un eventuale angioma al fegato sia tenuto sotto controllo.

Una domanda di: Valentina
L’anno scorso ad aprile, in seguito ad ecografia addome completo, ho scoperto casualmente di avere un angioma al fegato di circa mezzo centimetro (probabilmente venuto fuori dopo la mia prima gravidanza avuta due anni e mezzo fa, in quanto in un’eco addome precedentemente effettuata non era emerso nulla). Il medico ecografista mi ha detto semplicemente di tenerlo controllato annualmente. Ora è passato un anno ma il problema è che sono incinta di 30 settimane e quindi inizialmente pensavo di rimandare a dopo il parto questa eco. In questi giorni però ho letto che gli angiomi al fegato in gravidanza possono crescere molto a causa degli estrogeni e quindi a questo punto mi chiedo se a maggior ragione sarebbe meglio fare un’eco subito senza rimandare. Le mie domande sono essenzialmente: l’eco addome completo in gravidanza è davvero sicuro? L’utero essendo molto grande potrebbe rendere difficile visualizzare il fegato e l’ angioma? L’angioma può dare problemi in gravidanza o al momento del parto, naturale o cesareo che sia? Ho letto che in rari casi potrebbe scoppiare e provocare emorragia e morte. Grazie.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, non si sa molto su quale sia l’evoluzione degli angiomi epatici in gravidanza, ma sembrerebbero meno pericolosi degli adenomi, che sono l’altro tipo di neoformazione benigna che può interessare il fegato e che effettivamente possono rompersi con conseguenze anche catastrofiche. Il mio consiglio quindi è che lei si rivolga ad un centro dove, oltre agli specialisti ginecologi ci siano anche specialisti epatologi che possano seguirla fino al parto. Certamente l’ecografia epatica e ogni altra indagine richiesta possono essere fatte in gravidanza per confermare la diagnosi, valutare le dimensioni attuali della massa e seguirne l’eventuale evoluzione fino al termine di gravidanza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti