Anidolorifici e antibiotici a inizio gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/11/2018 Aggiornato il 07/11/2018

E' sempre importante saper riferire al ginecologo i principi attivi dei farmaci eventualmente impiegati nelle prime settimane di gravidanza. In ogni caso, un'assunzione di pochi giorni non dovrebbe esporre a rischi.

Una domanda di: Angela
Il mese scorso ho avuto mestruazioni scarse: ho fatto il test ed è
uscita la prima striscettavscura ma
l’altra era chiarissima quasi
trasparente e in questi giorni ho
assunto farmaci (antibiotici e antidolorifici) per via del molare c’è
pericolo?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi sa che si è un po’ agitata e nella fretta di scrivermi non mi ha precisato quali principi attivi lei abbia assunto per via del molare.
Ad ogni modo, le posso dire che per fortuna l’assunzione occasionale (ossia per pochi giorni) di farmaci nel primo trimestre, di solito non comporta rischi particolari.
Immagino che gli antidolorifici di cui lei ha fatto uso siano stati antidolorifici quali Aulin, Oki, Aspirina o Brufen… e antibiotici quali l’Augmentin.
Ebbene, se si è trattato di questo, possiamo stare tranquilli e programmare serenamente il primo controllo ostetrico dalla ginecologa o dall’ostetrica (come le recenti linee guida raccomandano), senza bisogno di effettuare controlli ostetrici “extra” rispetto a quelli già previsti per le mamme in dolce attesa.
Resto a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

DNA fetale o amniocentesi a 42 anni?

20/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Le linee guida europee, seguite anche in Italia, sono chiare: prima di pensare al DNA fetale o all'amniocentesi è indicato (e importantissimo) sottoporsi al test combinato o Bi-test.  »

Ipercheratosi emersa dal pap test

11/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

L'ipercheratosi è l'aumento della componente cheratinica della parete cellulare. Se viene evidenziata dal pap test richiede di ripetere l'indagine dopo sei mesi.  »

Tosse terribile, che nessun farmaco lenisce, in un bimbo di 5 anni

16/08/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La scuola di Trieste ha descritto ed etichettato più di vent'anni fa una manifestazione tipica dell'età pediatrica, fino ad allora non catalogata e poi battezzato con l'acronimo SIRT, che sta per Sindrome da Ipersensibilità dei Recettori della Tosse. Si tratta di un disturbo che oggettivamente dà tanta...  »

Fai la tua domanda agli specialisti