Ansia dopo i rapporti sessuali: che fare?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 08/08/2022 Aggiornato il 08/08/2022

Se l'attività sessuale genera ansia e timori (legati alla paura di dare inizio a una gravidanza) è opportuno discutere con un ginecologo in carne e ossa di contraccezione, per individuare un metodo anticoncezionale che permetta di stare tranquilla.

Una domanda di: Eleonora
Salve, vorrei avere un sostegno morale perché sono alle prime esperienze e come normale che sia la preoccupazione c’è sempre. Ho avuto sempre rapporti protetti con preservativo, uno a giugno e un altro a luglio e in entrambi i casi ho avuto il ciclo regolarissimo e non ho mai avuto sintomi o altre cose che differissero dal resto del mio ciclo mestruale scorso. Dall’ultimo rapporto, quello di luglio dopo il quale ho avuto il ciclo, non ho fatto niente ma ho una leggera preoccupazione che non mi fa stare tranquilla. Posso stare tranquilla? Inoltre come posso ridurre l’ansia, spesso infondata, dopo i rapporti? Grazie per l’ascolto.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara Eleonora, parli delle tue sensazioni rispetto ai rapporti sessuali con lo stesso tono con cui descriveresti quello che senti in vista di una prova difficile, complicata, ansiogena. Non mi scrivi quanti anni hai, ma da quello che dici immagino che tu sia molto giovano. Per questo mi sento di dirti che nessuno ti obbliga ad avere una vita sessuale: probabilmente non sei pronta emotivamente per questo, visto che cerchi rimedi per poterla affrontare senza che dopo ogni incontro ti assalga la paura. Non credo che per te sia utile un “sostegno morale” per affrontare meglio l’attività sessuale che, ripeto, non è così necessario praticare se, anziché fonte di piacere, diventa motivo di angoscia, mentre ritengo sia opportuno che tu ti rivolga a un ginecologo (anche del consultorio) per discutere in modo approfondito di contraccezione. Il profilattico protegge infatti dalle malattie sessualmente trasmesse e anche dalle gravidanze, a patto però di essere impiegato in modo davvero corretto. In generale, se c’è il dubbio di essere incinta (che mi pare tu abbia, anche se non è chiaro perché) c’è un modo sicuro per toglierselo: effettuare il test di gravidanza. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti