Antibiotico contro l’Ureaplasma in gravidanza

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 27/03/2021 Aggiornato il 14/03/2022

La cura "a tappeto" contro l'Ureaplasma trova contrari molti autori, tuttavia se il curante la prescrive avrà le sue buone ragioni.

Una domanda di: Lidiya
Volevo un’ informazione. Sono alla decima settimana di gravidanza e ho fatto dei tamponi vaginale. Il risultato è positivo per l’ureaplasma urealyticum >= 100.000, il ph vaginale è 6 e esterasi leucocitaria nelle urine 25. La mia ginecologa mi ha dato lo Zitromax 500mg per 6 giorni in più ovuli di Meclon per sei giorni: volevo sapere se il dosaggio non è troppo alto e per troppo tempo e se non posso aspettare ad arrivare a 14a settimana per prendere l’antibiotico. Grazie mille.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, non c’è alcuna certezza che l’infezione isolata da Ureaplasma abbia un effetto negativo sulla gravidanza. L’Ureaplasma è un microorganismo normalmente presente nella flora vaginale ed il suo trattamento a tappeto trova contrari molti autori. Il dosaggio prescritto non è comunque troppo alto. Per quanto riguarda il trattamento, se farlo subito o tra qualche settimana, dipende anche dalla sua storia ostetrica e dai suoi sintomi che la sua ginecologa conosce certamente meglio di me. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti