ARSA sospettata durante l’ecografia morfologica

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 15/11/2023 Aggiornato il 15/11/2023

L' Arteria Succlavia Aberrante Destra (ARSA) interessa circa 1 neonato ogni 100. Se non è associata ad altre anomalie, in particolare a carico del cuore, non desta preoccupazione.

Una domanda di: Imma
Salve dottoressa sono alla 21^ settimana di gravidanza e dalla morfologica è emerso un sospetto di ARSA, premetto che il duotest fatto in precedenza ha dato esito negativo e tutto nella norma. Il ginecologo mi ha rassicurato dicendo che è solo una anomalia e che il bambino sta bene e cresce bene e che alla nascita non avrà problemi. Lei cosa può dirmi?
Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signora Imma, conoscendo a fondo le caratteristiche e i limiti dell’ecografia fetale, nonostante gli incredibili sviluppi della tecnologia, mi sento di dirle quanto segue. L’dentificazione di una sospetta Arteria Succlavia Aberrante Destra (questo è il significato della sigla inglese ARSA) è un riscontro relativamente frequente in fase prenatale perché questa variante anatomica è presente in circa 1 neonato ogni 100. Ha ragione il suo ginecologo che la invita a non preoccuparsi eccessivamente perché lui punta sulla probabilità che il suo bambino non abbia altre anomalie, soprattutto a carico del cuore. Non le vede, stando al valore dell’ecografia. L’arteria succlavia destra origina solitamente al di sopra dell’arco aortico, come primo ramo dell’Arteria Innominata. Invece l’arteria succlavia aberrante nasce come quarta ramificazione dell’arco aortico stesso. Quindi si differenzia dal vaso normale per il punto di emergenza dall’arco aortico. Fortunatamente, la variante anatomica dell’origine del vaso dall’aorta di regola non modifica il flusso arterioso, ma modifica solo il decorso che non è più orizzontale verso la spalla destra ma posteriore alla trachea. Tutto qui, non richiede alcuna correzione e di solito non dà alcuna sintomatologia. Naturalmente questa mia affermazione vale nel caso, assai probabile ma non ancora certo che l’anomalia sia isolata. Il dato di basso rischio del test combinato è molto importante, anche se lei ricorderà benissimo dalla spiegazione del suo ginecologo che il valore di questo screening non supera il 90%. Ciò che è importante è l’assenza di segni sospetti che, se presenti, renderebbero l’ARSA più preoccupante. Mi riferisco alla buona crescita fetale (che dovrà proseguire così anche nelle settimane successive) e alla mancata rilevazione di cardiopatia congenita. In caso di sospetta cardiopatia il ginecologo in genere propone l’esecuzione dell’esame cromosomico fetale. In conclusione, sulla base dei dati attuali è giusto essere molto fiduciosi, ricordando sempre che gli accertamenti non invasivi (BI-test ed ecografia) hanno un potere diagnostico parziale, che non può essere del 100%. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di schiena dal collo alla zona lombare in gravidanza: cosa può essere?

26/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le cause del mal di schiena possono essere varie e vanno dalle cattive posture, all'utilizzo di calzature poco ammortizzate fino ai colpi d'aria e all'accumulo di stress.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Fai la tua domanda agli specialisti