Aspirinetta: si deve o no continuare ad assumere nel II trimestre?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 13/01/2022 Aggiornato il 13/01/2022

In nessun caso e per nessuna ragione si deve smettere una cura di propria iniziativa: se si ritiene sia opportuno sospenderla prima di farlo si deve consultare il ginecologo curante.

Una domanda di: Serena
Sono alla 16 settimana di gravidanza e assumo cardioaspirina
perché ho anticorpi anti nucleo 1:320 e per precedente aborto. Cosa
succederebbe se smettessi di prendere la cardioaspirina?a
Sospendere la cardioaspirina porterebbe ad un aborto spontaneo o a
malformazioni fetali? Grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, nessun ginecologo prescrive farmaci a casaccio. Se il suo
medico le ha prescritto la cardioaspirina significa che lo ritiene
opportuno. Di fatto, questa cura è utilizzata per la prevenzione di alcuni
problemi come il distacco placentare e la preeclampsia, nonché per diminuire
le probabilità che si verifichi un nuovo aborto, nel caso in cui precedenti
gravidanze si siano interrotte spontaneamente. L’ipotesi che sta alla base
della prescrizione dell’aspirinetta è che in alcune condizioni patologiche
siano implicati alterazioni della coagulazione del sangue o processi
infiammatori, fenomeni che potrebbero essere controllati dall’acido
acetilsalicilico assunto in piccole quantità. Va detto che attualmente la
discussione sull’utilità dell’aspirinetta è ancora aperta, quindi è il
singolo ginecologo in base al singolo caso che deve decidere se è
appropriato o no utilizzarla, se può essere o non essere benefico. Le linee
guida inglsei indicano opportuna l’assunzione dell’aspirinetta in tutte le
donne a rischio di preeclampsia. Lei avrà letto in internet che quando viene prescritta per prevenire gli aborti ripetti può essere sospesa
sospendere nella 16ma settimana, ma quello che si trova in rete non deve in nessn caso suggerire il fai-da-te. E’ ovvio che non posso certo essere io a suggerirle di
sospendere l’aspirinetta: il buon senso, prima ancora della deontologia professionale, mi
vieta di interferire sulle indicazioni di un collega che, a differenza di
me, conosce bene la sua situazione e possiede informazioni sulla sua storia
clinica che io non ho. Posto tutto questo, mi sorprende che lei non si
confronti con il suo ginecologo per sapere se proseguire o no la terapia. E’
lui e lui solo che può dirle cosa è meglio fare, io posso solo limitarmi a
darle informazioni generali. La invito pertanto a contattare il suo
ginecologo e poi ad affidarsi alle sue prescrizioni con fiducia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti