Assunzione di Vermox e concepimento

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 23/02/2021 Aggiornato il 23/02/2021

Non ci sono rischi se il concepimento è avvenuto in concomitanza con l'assunzione di un farmaco contro i vermi a base di mebendazolo

Una domanda di: Anna
Ho assunto una compressa di Vermox il giorno stesso o qualche giorno dopo in cui è avvenuto il concepimento. Potrebbero esserci dei rischi per il feto a livello di malformazioni? E quanto tempo impiega mediamente il farmaco ad essere smaltito dal corpo?
Grazie in anticipo.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile signora,
gli studi condotti sul principio attivo contenuto in questo medicinale che agisce contro i vermi parassiti non hanno evidenziato alcun rischio di malformazioni nel feto. Di fatto, è un farmaco poco assorbito dal tratto gastrontestinale, quindi che si concentra nel sangue in quantità poco significative. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti