Assunzione di un antimicotico poco prima del concepimento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/10/2017 Aggiornato il 10/10/2017

Nei primi giorni successivi al concepimento vale la legge del "tutto o del nulla": in seguito a un comportamento rischioso, se la gravidanza prosegue significa che il bambino non ha subito danni. Diversamente si interromperebbe.

Una domanda di: Lucia
Buongiorno, ho avuto il ciclo il 29/8, dall 1/9all 8/9 ho assunto il triasporin mattina e sera x una candida, siccome ho avuto un rapporto a rischio ho assunto norlevo e adesso il test di gravidanza è positivo . Questo può avere conseguenze x il feto?. Grazie x la risposta

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile lettrice, per quanto riguarda il Norlevo può stare tranquilla: non può avere alcun effetto dannoso per il bambino. Per quanto riguarda invece l’antimicotico (Triasporin), che pure è controindicato in gravidanza e richiederebbe, quale misura precauzionale, l’uso della contraccezione fino all’arrivo della mestruazione successiva, ritengo che potrebbe non esserci rischio, visto che verosimilmente il concepimento è avvenuto quando già avevo sospeso la terapia. Tenga inoltre presente che nei primi giorni dopo il concepimento vale la legge “del tutto o del nulla”: un qualsiasi fattore potenzialmente rischioso per la gravidanza (e il bambino) o provoca un aborto oppure non determina alcun danno. E’ verosimile dunque che poiché la gravidanza sta proseguendo niente di grave sia accaduto in conseguenza all’assunzione dell’antimicotico. Posto questo, le consiglio comunque di parlare con il ginecologo che effettuerà il primo controllo della situazione, affinché ne prenda atto e valuti l’opportunità di eseguire indagini particolari per essere sicuri che tutto va bene. Mi faccia sapere, se vuole. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti