Atonia uterina: può verificarsi ancora?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 09/07/2021 Aggiornato il 09/07/2021

Dopo un parto in cui si è verificata un'atonia uterina, in caso di un parto successivo i medici attuano misure per prevenire la ricomparsa del problema.

Una domanda di: Sara
Salve ho 40 anni e due figli…uno nato nel 2016 e uno nel 2018 tutti e due con parti naturali.
Al secondo parto ho sofferto di atonia uterina, risoltasi tramite medicinali via flebo.
Forse perché il parto è stato molto veloce, un’ora e mezza.
Volevo sapere in caso di terzo parto se ho alte probabilità che possa risuccedere e se si può avere un’altra gravidanza.
Grazie.

Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, può certamente avere un’altra gravidanza. Il rischio che un’atonia uterina si verifichi di nuovo c’è ma i medici metteranno in atto tutte le misure possibili per evitare e, nel caso, risolvere positivamente la situazione. Stia tranquilla dunque. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti