Aumento di 5 chili nel primo trimestre di gravidanza: è normale?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 24/05/2021 Aggiornato il 31/05/2021

Cinque chili di aumento nelle prime settimane di gravidanza possono essere giustificabili solo se a inizio gravidanza si era in sottopeso.

Una domanda di: Elena
Sono una ragazza di 34 anni incinta all’undicesima settimana. Ho
nausea e mal di stomaco per via della gastrite e non riesco a mangiare molti
cibi, ad esempio la verdura cotta. Sono sempre stata molto sportiva (un’ora
al giorno tutti i giorni) e ho sempre avuto un regime alimentare
controllato. Volevo sapere se ora che non faccio più sport e non riesco a
mangiare cose più sane sia normale aver preso quasi 5 kg. Grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, lei chiede se sia normale un aumento di 5 chili di peso
all’undicesima settimana di gravidanza, ma qui la “normalità” c’entra molto
poco. Piuttosto ci si deve chiedere se vada bene o no. Molto dipende dal
peso di partenza: se lei era molto magra l’aumento che riferisce non
preoccupa affatto, a patto però che non sia questo il trend, altrimenti a
fine gravidanza l’aumento di peso sarebbe intorno ai 20 chili, cioè
francamente eccessivo. Mangiare sano in gravidanza è importantissimo, quindi
anche se al momento non riesce a consumare verdure cotte deve senz’altro
evitare i cosiddetti cibi spazzatura. Inoltre ora più che mai benefico
fare movimento: 45-50 minuti al giorno di camminata a passo sostenuto sono
sufficienti per mantenersi in forma e garantirsi un buon tono dell’umore. Eviti i
dolciumi, le bibite zuccherine e naturalmente l’alcol (birra compresa), che è vietato anche in piccolissime
dosi. In generale, l’alimentazione deve essere il più
possibile varia e ben bilanciata. Pasta e pane vanno consumati in quantità
ragionevoli. E come fuori pasto, per fronteggiare eventuali attacchi di fame, può andare benissimo una manciatina di frutta secca. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti