Avere un bambino dopo vari aborti (e non solo)

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 22/02/2021 Aggiornato il 22/02/2021

Se gli spermatozoi maschili sono alterati e, in più, la donna ha subito numerosi aborti e si trova in età avanzata, le possibilità di una gravidanza spontanea che giunga a termine sono pressoché nulle.

Una domanda di: Gabriella
Da nove anni ho solo aborti e ci hanno riferito dagli esami che il mio
compagno ha spermatozoi al 7 per cento buoni e il resto hanno anomalie dalla
testa o coda: cosa possiamo fare per avere un bimbo io ho 45 anni e lui 35. Ho 4 figli dal vecchio matrimonio e ne avrei voluto uno con il mio compagno.
Grazie!

Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Buongiorno,
credo che l’unica soluzione sia l’ovodonazione o meglio l’embrioadozione, non credo sia possibile diiversamente, credo che la coppia abbia un’alterazione della fertilità che coinvolge entrambi.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti