Figli di cugini: quali rischi?

Professor Giovanni Porta A cura di Professor Giovanni Porta Pubblicato il 20/01/2020 Aggiornato il 20/01/2020

Due partner consanguinei hanno un rischio aumentato, rispetto alle altre coppie, di avere figli colpiti dalle malattie genetiche di cui si può essere portatori sani.

Una domanda di: Sufyan
Salve sono un ragazzo di 19 anni e ho la residenza in Italia. Una mia compagna mi ha consigliato questo sito perché le ho parlato del mio caso emotivo: mi sono innamorato di mia cugina, che è la figlia della sorella di mia mamma quindi di mia zia. Quando ne parlo con qualcuno mi viene sempre detto che se avrò dei figli nasceranno malati. So che quando due persone che sono imparentate si sposano possono avere figli malati ma la probabilità è veramente bassa…volevo un ulteriore chiarimento.
Grazie in anticipo.
Giovanni Porta
Giovanni Porta

Caro Sufyan,
quando due partner sono consanguinei aumenta il rischio che abbiano figli affetti da patologie genetiche a trasmissione autosomica recessiva, ossia colpiti da malattie genetiche di cui si può essere portatori sani. La probabilità che due partner siano portatori sani della stessa patologia genetica aumenta se questi appartengono alla stessa famiglia.
In generale, cugini di primo grado con anamnesi familiare negativa per patologie genetiche hanno un rischio riproduttivo doppio, cioè una probabilità del 6 per cento di avere un figlio affetto da patologie congenite ereditarie, rispetto alla popolazione generale per la quale il rischio riproduttivo è del 3 per cento. Nel caso in cui i due coniugi fossero entrambi portatori sani della stessa patologia autosomica recessiva, avrebbero il 25 per cento di probabilità di avere un figlio affetto da tale patologia.
In questi casi di consanguineità parentale, prima di programmare una gravidanza è consigliato effettuare una consulenza genetica preconcepimento, che può essere prenotata con impegnativa del medico curante in qualsiasi ospedale che offra tale servizio. Durante il colloquio il medico genetista vi fornirà tutte le informazioni a riguardo e valuterà in base alla storia personale e familiare quali esami eseguire per affrontare con maggiore tranquillità la gravidanza.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti