Avere un figlio tra (lontani) cugini

Professor Paolo Gasparini A cura di Professor Paolo Gasparini Pubblicato il 09/11/2020 Aggiornato il 09/11/2020

Un'eventuale consanguineità remota non espone a particolari rischi la coppia che decide di avere un figlio.

Una domanda di: Aurora
Salve, vorrei chiederle un’informazione, se è possibile. Il ragazzo che mi piace è cugino di mia madre: suo padre è fratello di mia nonna (materna). Se volessimo iniziare una relazione che rischi ci sarebbero a avere eventualmente un figlio? Grazie se vorrà rispondermi e per l’opportunità.

Paolo Gasparini
Paolo Gasparini

Gentile Aurora, la consanguineità aumenta lievemente il rischio di malattie ereditarie trasmesse come carattere autosomico recessivo (genitori portatori sani). Però non dimentichiamoci che simili relazioni sono praticate senza problemi da quasi un miliardi di abitanti della terra e che nel caso specifico non si tratta nemmeno di cugini primi ma di una consanguineità più remota. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti