Battito lento in sesta settimana

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 18/06/2020 Aggiornato il 18/06/2020

Sottoporsi alla prima ecografia troppo precocemente non è mai una buona idea, se non ci sono particolari disturbi.

Una domanda di: Ilaria
Ho fatto la prima ecografia alla 6a settimana e la dottoressa ha indivuduato una camera e un embrione con crl 3.5mm, ma il battito cardiaco per lei era lento e mi ha preparata dicendomi che non andrà avanti. È possibile che sia ancora presto o mi devo già dare per vinta?

Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Carissima, ci sono gravidanze che cominciano così, esattamente come lei descrive la sua, e poi vanno benissimo. Fare l’ecografia prima della ottava-nona settimana, quando non ci sono disturbi, non è proprio l’ideale. proprio perché può accadere di raccogliere segni che esprimono poco rispetto alla successiva evoluzione della gravidanza. Aspetta fiduciosa e, s elo desidera, mi tenga aggiornata. Tanti auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti