Benzodiazepine e allattamento

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 12/10/2022 Aggiornato il 12/10/2022

L'assunzione occasionale e a basse dosi di benzodiazepine è compatibile con l'allattamento al seno, specie se si tratta di bimbi che già assumono anche le pappe.

Una domanda di: Antonia
Buongiorno dottoressa, le scrivo perché soffro d’insonnia e il mio medico mi ha consigliato il Flurazepam che infatti funziona bene per farmi dormire. So che però non è addatto per l’allattamento. Perciò ho interotto l’allattamento al seno per il mio piccolo che ormai ha già nove mesi. Mi chiedo però per quanti giorni devo interrompere? Sul sito https://e-lactancia.org/breastfeeding/flurazepam/product/ ho trovato questa informazione che non capisco bene: “interrupt breastfeeding 3 to 7 T ½ (elimination half-lives)\”. Vuol dire da 3 a 7 giorni? O cosa significa? Mi può aiutare? Grazie mille!
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, sono contenta che lei abbia consultato questo sito che mi pare molto ben fatto per aiutare a fare chiarezza sui farmaci in allattamento. Nel caso di Flurazepam, viene suggerito di sospendere l’allattamento da 3 ore a 7 giorni (se interpreto bene, anche in base ai dati riportati in fondo alla pagina web nella tabella sulla farmacocinetica) in quanto sappiamo che il flurazepam verrà nel frattempo metabolizzato a livello del fegato. Il problema nasce dal fatto che il metabolismo nel fegato porta alla formazione di almeno 4 metaboliti, di cui uno attivo, ossia capace di funzionare in modo analogo al suo predecessore. L’emivita di flurazepam è pari a 3 h circa, quella del suo metabolita prevalente è di 47-100 h. Emivita significa il tempo di dimezzamento del farmaco nella circolazione sanguigna. Questo significa che, mentre per il flurazepam bastano 6 ore ad azzerare l’effetto, non altrettanto per il suo metabolita principale: occorrono 94-200 ore per eliminarlo completamente dalla circolazione, quindi da 4 a 8 giorni. Detto questo, bisogna tener presente che il suo bimbo non è un neonato, che quindi è in grado di sopportare una certa quota di farmaci attraverso il suo latte (ormai l’allattamento sarà misto dato che dopo i sei mesi si inizia lo svezzamento). Lei sembra intenzionata a riprendere l’allattamento e questo da una parte mi sembra bello, dall’altra non è scontato che il bimbo si attacchi ancora: potrebbe essersi rassegnato nel frattempo! Ad ogni modo, come riportato anche su e-lactancia, l’uso occasionale e a basse dosi di benzodiazepine (tutti i farmaci che finiscono per “-azepam” sono sedativi-ipnotici della famiglia delle benzodiazepine) è compatibile con l’allattamento al seno, specie se si tratta di bimbi già “grandicelli” come il suo. Sarebbe interessante discutere con il suo Curante un eventuale passaggio a Zolpidem, dato che per questo farmaco non c’è alcun tipo di rischio per l’allattamento al seno. Spero di averle risposto e di averla aiutata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti