Beta bloccanti: si possono impiegare quando si decide per la PMA?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 15/09/2022 Aggiornato il 15/09/2022

I beta bloccanti possono causare gravi problemi in gravidanza: meglio dunque che il cardiologo, quando la donna inizia l'iter per la procreazione medicalmente assistita, prescriva farmaci alternativi.

Una domanda di: Raffaella
Gentile dottore, assumo cardicor 1.25 da 5 anni, da quando dopo un cancro al seno e le svariate chemio ho iniziato ad avere degli impulsi nervosi al cuore, adesso assieme a mio marito abbiamo deciso di intraprendere un fecondazione assistita considerando che a suo tempo ho eseguito una crioconservazione. È preferibile interrompere l’assunzione del farmaco da subito dopo il transfert? Ho mille dubbi in quanto ho letto e ascoltato pareri contrastanti…lei cosa ne pensa? Grazie.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, i beta bloccanti in gravidanza possono ridurre la perfusione placentare, portando a aborti, ridotta crescita fetale, morte endouterina. Quando sono necessari, meglio i beta1-selettivi. Credo che, data la sua storia, sia corretto che una impostazione del piano terapeutico per la procreazione medicalmente assistita sia fatta con la consulenza dei ginecologi della Patologia della gravidanza, che la seguiranno poi nel corso della gravidanza (come gravidanza a rischio) e del cardiologo, che valuterà la necessità di terapie e le alternative disponibili. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti