Beta-bloccanti: sono pericolosi in gravidanza?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 24/06/2022 Aggiornato il 24/06/2022

Gli studi effettuati finora sull'assunzione in gravidanza di farmaci beta-bloccanti non hanno documentato un aumento del rischio di malformazioni nel bambino.

Una domanda di: Salvatore
Salve, la contatto per avere anche un suo parere. Abbiamo scoperto che mia moglie è in attesa di un bambino e si trova nella quinta settimana di gravidanza. Da circa un anno sta assumendo farmaco nadololo da 20 mg per una sindrome da QT lungo. A intervalli variabili facciamo Ecocardio e Holter per vedere se il dosaggio va bene. Pensa che questo betabloccante possa dare fastidio alla gravidanza ? Grazie per avermi ascoltato, buona giornata. Attendo una sua risposta.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Salvatore, gli studi sull’uso in gravidanza di beta-bloccanti (classe a cui appartiene il nadololo) non hanno documentato un aumento del rischio di malformazioni. Alcuni farmaci beta-bloccanti sono associati con un aumento del rischio di ritardo della crescita intrauterina; uno studio riguardante il nadololo non ha confermato questa possibilità, ma la consistenza numerica del campione era troppo piccola per poter trarre conclusioni. In ogni caso, raccomando a sua moglie e a lei di valutare la terapia insieme al medico curante e al ginecologo/alla ginecologa, attendendosi alle loro indicazioni. Anche il cardiologo, ovviamente, deve essere informato dello stato di gravidanza di sua moglie. Vedrà che insieme i vari medici coinvolti vi seguiranno nel migliore dei modi, preservando il suo bambino da rischi. Cari saluti. Cordiali saluti,

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti